Sciroppo d’acero proprietà e benefici

Sciroppo d’acero proprietà e benefici
LA PREPARAZIONE

Lo sciroppo d’acero è un liquido zuccherino che si ottiene bollendo la linfa dell’acero da zucchero e dell’acero nero. E’ il terzo dolcificante meno calorico esistente al mondo (superato dalla melassa e dalla stelvia) con 250 calorie per 100 grammi di prodotto, ed è molto ricco di sali minerali. L’80% circa della produzione mondiale avviene in Canada e soprattutto in Nord America viene utilizzato per addolcire i pancake o come ingrediente base di molte ricette.

sciroppo-dacero-2

Ma lo sciroppo d’acero presenta anche numerosi proprietà benefiche per il nostro organismo, data la sua quantità elevata di sali minerali presenti, come il potassio, il calcio, il ferro, vitamine (in particolar modo del gruppo B) e antiossidanti. Inoltre è molto utile per bambini e adulti: può essere utilizzato sia come dolcificante che diluito in acqua come integratore.

Grazie agli antiossidanti presenti è consigliato per contrastare l’invecchiamento cellulare, gli inestetismi della cute e previene alcune forme tumorali. Proficuo anche all’interno di una dieta, in quanto facilita il drenaggio dei liquidi in eccesso. Metti in uno shaker un cucchiaio di sciroppo d’acero, il succo filtrato di mezzo limone, un bicchiere d’acqua, e un pizzico di cannella in polvere. Shakera la bevanda e poi versala nel bicchiere e bevi una volta al dì: riattiva circolazione e farà bruciare i grassi più velocemente.

Inoltre può essere utilizzato anche dagli sportivi sia prima di un allenamento che dopo, per ridare all’organismo i Sali minerali e le vitamine andate perse dopo lo sforzo. E’ noto per le sue proprietà depurative, diuretiche e riequilibranti del sistema gastrointestinale, specie in caso di colite, gonfiore addominale e gastrite.

Al momento dell’acquisto è bene verificare l’assenza di additivi e di trattamenti, cercando di preferire sempre uno sciroppo di natura biologica. Lo sciroppo d’acero non dovrebbe però essere utilizzato in caso di diabete: prima di assumerlo meglio consultare il vostro medico di fiducia.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post