Sfogliatelle frolle, l’autentica ricetta della pasticceria napoletana

Le sfogliatelle frolle sono una prelibatezza tipica della pasticceria partenopea, famose in tutto il mondo, restano i dolci per eccellenza dei menù della domenica a Napoli

Sfogliatelle frolle
Sfogliatelle frolle (Instagram)

Come spesso accade ai dolci tipici regionali anche la storia dell’origine delle sfogliatelle nasce nelle operose cucine dei religiosi. A quanto pare la regina della pasticceria partenopea è stata ideata in un convento in Costiera amalfitana all’incirca nel 1600.

La leggenda vuole che suor Clotilde, per evitare che degli avanzi di semola nel latte venissero buttati, aggiunse ricotta, frutta secca e limoncello. Tale ripieno venne inserito in una sfoglia che richiamava la forma del cappuccio di un monaco.

Da un’intuizione di una suora parsimoniosa nacque quindi la Santarosa, dal nome del monastero in cui venne creata.

La ricetta originale della sfogliatella frolla

Per arrivare alla vera sfogliatella così come la conosciamo oggi bisognerà però aspettare circa due secoli. Era infatti il 1818 quando Pasquale Pintauro decise di apportare alcune modifiche rendendo la sfoglia più sottile ed eliminando le amarene.

Sfogliatelle frolle
Sfogliatelle frolle (Instagram)

Nella sua bottega di via Toledo nacque quindi la vera sfogliatella napoletana tanto amata sia nella sua versione riccia che in quella frolla.

Ingredienti

Per la pasta:

1 kg di Farina

400 gr di Zucchero

400 gr di Sugna

200 gr di Acqua

Buccia di limone

1 Tuorlo d’uovo

5 gr di Ammoniaca

Per il ripieno:

1 lt di Acqua

300 gr di Semolino

500 gr di Ricotta

500 gr di Zucchero

20 gr di Sale

4 Uova

Un pizzico di vaniglia

100 gr di Scorzetta d’arancio o cedro

Procedimento

Quando l’acqua sta per bollire buttate il semolino a pioggia e lasciatelo cuocere per 10 minuti. Alla ricotta stemperata unite zucchero, uova, cannella, vaniglia, i canditi e infine il semolino raffreddato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Cheesecake al pistacchio, la ricetta al forno: golosa da leccarsi i baffi

Stendete la pasta preparata un paio d’ore prima fino a raggiungere uno spessore di circa mezzo cm. Inserite quindi il composto all’interno della sfoglia e richiudetela donandole una forma non completamente tonda.

Dopo aver spennellato la superfice della sfogliatella con il rosso dell’uovo. Infornate quindi a 180° per 15-20 minuti. Una volta raffreddati spolverizzateli con dello zucchero a velo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Ricetta antipasto autunnale: pasta sfoglia con noci e besciamella