Simone Rugiati svuota il sacco, la rivelazione privata che nessuno si aspetta

Lo chef in vacanza in Salento ha rivelato ai suoi follower come si prepara una vera bontà del territorio. Il suo mentore lo illumina.

Simone Rugiati svela ricetta caffè leccese
Simone Rugiati (Foto Instagram)

Classe 1981 e nativo di Empoli, Simone Rugiati si diploma all’Istituto Alberghiero “F.Martini” di Montecatini Terme, in provincia di Pistoia, e inizia la sua formazione in giro per la Penisola alla ricerca del vero perfezionamento artistico e personale.

A 21 anni ottiene una copertina della rivista “La mia cucina”alla hobby & food di Parma. Si occupa inoltre di scrivere contributi per le riviste Buon Appetito e Mangiar Sano, due occasioni che lo portano pian piano fino ai primi grandi successi televisivi.

Ultimi fra tutti “Cuochi e fiamme” e “Food Advisor”, anche se la sua carriera e le varie collaborazioni sono sempre molto intense e in divenire. Vediamo dove si trova in questi giorni e la ricetta segreta che ha rivelato ai suoi follower sui social.

Simone Rugiati non ha peli sulla lingua, la vera ricetta si prepara così: eccellenza leccese

Da alcuni giorni Simone si trova in Salento dove si è mostrato ieri a cena presso il Solatio Costa Ionica accompagnato da un amico.

Simone Rugiati svela ricetta caffè leccese
Simone Rugiati beve il suo caffè leccese (screen Instagram)

Ha mostrato una foto nelle sue Instagram stories con in mano una tazza di caffè leccese ma evidentemente molte persone lo hanno rimproverato per l’inesattezza detta a riguardo della bevanda tanto amata in quella zona.

Così lo chef ha interpellato un vero leccese e gli ha chiesto la vera ricetta di questa bevanda consumata non solo durante il periodo estivo.

POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Ritirato lotto di nota porchetta per rischio batteriologico: ecco di cosa si tratta

Il caffè leccese, conosciuto anche come caffè con ghiaccio, è una preparazione tipica del Salento realizzata con caffè della moka o con la macchina espresso, ghiaccio a cubetti e latte di mandorla“, spiega il commilitone.

Poi se ci aggiungi una scorzetta di limone invece diventa brindisino“. Sembra ora tutto chiaro e anche stavolta lo chef toscano ha depistato ogni critica sulle ricette regionali che riscuotono sempre molto interesse e agitazione da parte del pubblico a casa.