Spaghetti alla carrettiera: origini del nome e come si preparano

0
19
spaghetti carrettiera

Gli spaghetti alla carrettiera: origini del nome e come si preparano, quali sono gli ingredienti di cui abbiamo bisogno

spaghetti carrettiera
Spaghetti alla carrettiera: origini del nome e come si preparano

Talvolta ci ritroviamo a mangiare delle pietanze di cui conosciamo soltanto il nome, a stento, e non ci siamo mai chiesti quale sia la loro provenienza. Da dove provengono, per esempio, gli spaghetti alla carrettiera? Perché questo nome? Ha un significato particolare o è stato dato a caso? Beh, forse è il caso di pensare che in cucina niente è dato al caso. Certo, c’è sempre bisogno di creatività ai fornelli, ma un nome non viene dato mai per caso ad un piatto. Vediamo insieme, facendo un salto nel passato, come nascono gli spaghetti alla carrettiera che, tutt’oggi, sono preparati in tutte le case degli italiani e ricevono ancora tantissimi consensi.

Gli spaghetti alla carrettiera: perché questo nome e come si preparano

Gli spaghetti alla carrettiera sono una vera e propria bomba di carboidrati: potrete immaginare il perché dal momento che si compongono di pasta e pane. Insomma, chi li vuole mangiare deve sapere che ci andrà giù pesante! Ma chi erano quelli che volevano assolutamente questo piatto in origine? I carrettieri. Da qui il nome. Questo qui è un piatto che si è diffuso pian piano in Sicilia agli inizi del ‘900, preparato con ingredienti poveri, molto poveri, e consumato principalmente dalle persone che trasportavano – come a volersi sostituire ad un mulo, un cavallo o un bue – persone o merci dal porto alla città o viceversa. E’ così che nasce questo piatto che serviva a sfamare dei capo famiglia che lavoravano pesantemente tutto il giorno. Era un piatto che veniva preparato dalle mogli, ma non solo, anche in una osteria si poteva ordinare semplicemente.

Il piatto si prepara con degli ingredienti basilari. Fate soffriggere aglio ed olio in una padella. Fate cuocere la pasta (preferibilmente spaghetti) e a fine cottura riversateli nella padella che avete precedentemente preparato. Mescolate il tutto e aggiungete briciole di pane raffermo.