Striscia bianca nell’uovo crudo, cos’è? Il dettaglio importante da notare

0
14
striscia uovo crudo
Il filamento interno dell'uovo

Striscia bianca nell’uovo crudo, cos’è? Scopriamo insieme il dettaglio importante da notare e non sottovalutare

striscia bianca del'uovo
Il filamento interno dell’uovo ha in realtà alti valori nutrizionali

 

Quante volte, durante la preparazione di uova fritte, oppure mentre rompevamo il guscio per utilizzarle in qualche torta, abbiamo notato una striscia bianca e spessa dall’aspetto un po’ sgradevole? Il nome di questo filamento è Chalaza e rappresenta un aspetto importante da non sottovalutare sulla ‘salute‘ delle nostre uova. Scopriamo insieme di cosa si tratta

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Non sono le solite uova al tegamino: aggiungeteci questi pochi ingredienti e vi leccherete i baffi!

 

La chalaza: la striscia bianca dell’uovo crudo dall’alto valore nutrizionale

E’ successo proprio a tutti, abbiamo comprato delle uova fresche e le abbiamo utilizzate per una torta, una frittata, un bell’uovo al tegamino. Abbiamo rotto il guscio ed assieme al tuorlo abbiamo notato questo filamento che alla vista risulta sgradevole, tanto da eliminarlo addirittura. Eppure, questo filamento rappresenta una parte importante dell’uovo perché ci fa capire quanto sia fresco.

Quando compriamo le uova nei supermercati e questo filamento manca, significa che abbiamo nelle mani un uovo vecchio, prossimo alla scadenza e prossimo a perdere le sue proprietà.

Ma cos’è, in fin dei conti la Chalaza? E’ un filo molle e spesso che collega il guscio al tuorlo. Una sorta di piccolo cordone ombelicale. Più l’uovo sarà fresco e appena deposto, maggiore sarà il grado di spessore della chalaza, oltre al suo colore, piuttosto bianco. Quindi, non eliminiamo questo grande elemento nutritivo, basterà sbatterlo con una forchetta per amalgamarlo al resto dell’uovo e degli ingredienti.

Se proprio non riuscite a non pensare a quel piccolo filamento, fate in questo modo: separiamo i tuorli dagli albumi e montiamo quest’ultimo a neve. Aggiungiamo poi un po’ di sale, di pepe e parmigiano con le spezie che più ci piacciono. Con una frusta poi, mescoliamo dal basso verso l’alto i tuorli uno alla volta, mettiamo il composto in una teglia rivestita con carta forno e cuociamo a forno statico 180° per 20 minuti. Avremo una frittata altissima, soffice e con la chalaza nascosta per poter godere di tutte le sue proprietà!