Supermercati, caffè contaminato ritirato dagli scaffali: “Attenzione massima, ecco come fare”

Scatta un nuovo ritiro urgente da parte del Ministero per rischio allarme-ocratossina nel caffè, vediamo brand e lotti nel mirino. Consumatori in allerta massima.

Scaffali supermercato ritiri 16-23 aprile 2022
Scaffali supermercato (Foto di BrightSpace AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Si tratta di un nuovo ritiro precauzionale che non ha ancora trovato ufficialità sul sito del Ministero della Salute che non lo ha ancora pubblicato in Gazzetta, ma che invece è stato divulgato dagli stessi produttori (e rivenditori).

Si tratta stavolta di Caffè macinato gusto classico a marchio Juanito venduto sia da Tuodì, Ingrande che Fresco Market, le catene hanno diffuso il richiamo nelle loro pagine ufficiali alla sezione News—> Allerte e richiami.

Nello specifico si tratta di un prodotto con limite di ocratossina A. oltre quello consentito dalla legge nazionale ed europea.

Il prodotto è venduto in confezioni da 250 grammi con il numero di lotto D06X e il termine minimo di conservazione (Tmc) 06/04/2024. Le due catene di supermercati hanno quindi invitato i consumatori a restituire il caffè a rischio per ottenere il rimborso o la sostituzione.

Tutti i clienti che fossero in possesso di una confezione del prodotto sopra indicato, sono invitati a riportarla in qualsiasi punti di vendita TUODI’, FRESCO MARKET, INGRANDE. Il personale del negozio provvederà alla sostituzione o al rimborso“, si legge nella nota comune.

Ocratossina A, rischi e pericoli per la salute umana. Facciamo chiarezza

La nota pubblicata dagli store recita: “Riscontrati livelli di ocratossina A oltre la soglia consentita”. Si tratta infatti di una sostanze (micotossina) che se ingerita può causare gravi danni per la salute umana.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Caffè 2 euro pronti a scendere in piazza
Tazzina di caffè (Foto Instagram @differentcaffe)

L’ocratossina è in grado di inibire la sintesi proteica, con una apprezzabile attività immunosoppressiva, soprattutto la variante A si accumula nel rene e può dare nefrotossicità.

Si pensa che possa essere una delle cause della Nefropatia endemica balcanica, una malattia del rene molto diffusa nell’area dei Balcani. La si trova come contaminante in alimenti come cereali, carni conservate, frutta fresca e secca, e formaggi.

Ricordiamo che il limite massimo di ocratossina A è di 0,50 microgrammi /kg per i preparati a base di cereali e per gli alimenti per lattanti, nonché per gli alimenti dietetici speciali per i lattanti.

Caffè macinato Juanito ritiro ocratossina A oltre limiti
Caffè macinato Juanito (www.tuodi.it)

Il tutto è stato segnalato dal Regolamento (CE) n. 655/2004 (tenore di nitrati degli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini di minore età).