Supermercati, ritirati tre prodotti amatissimi dagli scaffali: è allerta per allergene pericoloso

Tripla nota ministeriale pubblicata nelle ultime ore per “presenza di allergene non dichiarato in etichetta soia”, nel mirino un prodotto molto amato della cucina moderna.

Scaffali supermercato Ferrero ritiro Salmonella
Scaffali supermercato (Foto di adisa AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

L’ultima nota ministeriale ha lanciato un nuovo allarme per i consumatori, stavolta nel mirino i semi di chia che sono uno degli ultimi ritrovati della cucina moderna. Considerati un super food per via delle loro innumerevoli proprietà benefiche per la salute fisica e mentale umana.

I semi di chia sono particolarmente ricchi di acidi grassi essenziali Omega-3 che costituiscono circa il 20% del seme. Questi grassi “buoni” sono noti per la loro azione protettiva di cuore e cervello e non solo.

Stavolta si tratta nel concreto di un “possibile presenza dell’allergene soia non dichiarato in etichetta”, quindi sono in pericolo tutti quei consumatori che ne sono allergici e possono incorrere in drastici problemi di salute, spesso anche gravi.

14 allergeni pericolosi, facciamo chiarezza sull’allergia alla soia

Cerchiamo di ribadire la questione degli allergeni pericolosi che più volte abbiamo già comunicato sul sito di CheCucino parlandi di ritiri. A livello europeo sono stati riconosciuti 14 allergeni che devono essere per legge segnalati in etichetta.

Nella lista sono presenti vari prodotti, tra questi i cereali contenenti glutine, crostacei e prodotti a base di crostacei, uova e prodotti a base di uova, pesce e prodotti a base di pesce, arachidi, latte, frutta a guscio, sedano, sesamo, senape, lupini, anidride solforosa e solfiti, molluschi e soia.

Nello specifico chi viene a contatto con l’allergene soia può incorrere a sintomatologia più o meno grave. Tra i principali sintomi evidenti (dal meno grave al più grave) ricordiamo:

  • Eruzioni cutanee oppure orticaria
  • Leggero affanno o tosse
  • Prurito in bocca
  • Problemi di digestione (come nausea, vomito o diarrea)
  • Vomito

Marchio e lotto nel mirino, la nota ministeriale sul prodotto ritirato per allergene pericoloso

Nello specifico si tratta di tre ritiri con la stessa sede dello stabilimento, sita in via del Progresso 32, 36064 Colceresa in provincia di Vicenza. con nome del produttore Pedon Spa.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

14 Allergeni alimentari food wine
Allergeni (Foto di Christos Georghiou AdobeStock)

La denominazione di vendita è per tutti semi di chia (salvia hispanica).

  • Lotto 11/06/23 con volume unità di vendita di 250 g. Marchio del prodotto Cucina e Sapori e nome o ragione sociale dell’OSA
    a nome del quale il prodotto è commercializzato MD Spa;
  • Lotto 19/06/23 con volume unità di vendita di 250 g. Marchio del prodotto DBT e nome o ragione sociale dell’OSA
    a nome del quale il prodotto è commercializzato Pedon Spa;
  • Lotto 18/06/23 con volume unità di vendita di 150 g. Marchio del prodotto DBT e nome o ragione sociale dell’OSA
    a nome del quale il prodotto è commercializzato Pedon Spa.

Si raccomanda alle persone allergiche alla soia di non consumare e restituire al negozio il prodotto con numero di lotto e termine minimo di conservazione indicati. Il prodotto in questione non presenta alcun rischio per i consumatori non allergici alla soia.

In caso si presenza del prodotto in casa è sconsigliato il consumo per gli allergici, è possibile il cambio urgente dei sacchetti di semi di chia nel più vicino punto vendita anche senza scontrino fiscale come previsto dalla legge nazionale.