Tacchi alti: cosa succede a indossarli spesso

Tacchi alti: cosa succede a indossarli spesso

Le scarpe col tacco sono molto chic e per molte donne sono un accessorio di cui è impossibile farne a meno. Slanciano il fisico, fanno sentire sexy ed eleganti e attirano le attenzioni maschili, ma l’uso prolungato nel tempo può addurre problemi al corpo. Ovviamente molto dipende dalla lunghezza del tacco: c’è una bella differenza tra un tacco a spillo da 10 o 12 centimetri e uno a base quadrata da 4 centimetri. Inoltre bisogna considerare la tipologia di piede che ognuno ha e tenere conto di eventuali patologie o disturbi podalici e sovra podalici.

Sarebbe ideale utilizzare i tacchi molto alti solo saltuariamente ed effettuare poi degli esercizi mirati di stretching dell’achilleo. Infatti quando si indossano i tacchi da 10 e 12 cm i piedi assumono una posizione innaturale esercitando una certa pressione sul tallone. In tal maniera il tallone si può infiammare e provocare dolori, fino a causare la tendinopatia achillea. Un problema che di certo non compare se si utilizzano i tacchi alti solo in occasioni sporadiche.

I tacchi alti mettono in risalto i glutei, ma d’altro canto costringono ad una postura non naturale, provocando dolori alla zona bassa della colonna vertebrale e dei muscoli che la compongono. Quindi se soffrite di mal di schiena evitate di indossare questo tipo di calzature: del resto basta anche un tacco di 4 cm per fare una bella figura.

L’uso dei tacchi alti può causare anche il cosiddetto ginocchio del corridore, con conseguenti problemi ai muscoli posteriori della coscia e al quadricipite. Per ovviare a questo problema basterà indossare scarpe basse. Inoltre i tacchi da 10 o 12 cm aumentano il rischio di cadute e storte, con possibili conseguenze sulle caviglie. Infine le scarpe con il tacco alto possono provocare problemi anche alle vene varicose, in quanto possono causare disturbi alla circolazione sanguigna.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post