Torta Monterossina: la ricetta originale del famoso dolce ligure così sublime

Con una ricca farcitura decisamente festosa, la torta Monterossina è una specialità ligure adatta per occasioni festose in cui portare in tavola un dolce godurioso.

Torta Monterossina ricetta
Torta monterossina (Pinterest – Helen Barraud)

Si chiama torta Monterossina e come suggerisce il nome stesso ha origine da Monterosso, una località nelle Cinque Terre.

In questo posto così pieno di fascino nasce questa torta che è un vero tripudio di sapori che si uniscono a formare un’armonmia perfetta di gusto e consistenza.

Si compone infatti da un guscio di pasta frolla all’interno del quale si trovano uno strato di marmellata, uno di Pan di Spagna o pasta biscotto, ma anche crema pasticcera e cioccolato fondente in scaglie.

Si tratta perciò di un ripieno ricco e abbondante, che rende questo dolce particolarmente indicato da gustare in occasioni importanti e di festa.

Sono diversi strati con differenti sapori e un gioco di consistenze che creato ad arte forma un dolce unico e ben riconoscibile da queste caratteristiche che gli sono tipiche.

Ecco come realizzarlo con la ricetta per farlo uguale all’originale.

Ingredienti e preparazione della torta Monterossina

In questa ricetta all’interno è inserita la pasta biscotto. Certamente il procedimento è abbastanza articolato dalle varie preparazioni, ma seguendo le indicazioni è possibile farlo senza fatica e con ottimi risultati.

Torta Monterossina ricetta
Torta monterossina (Pinterest – Helen Barraud)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. Sofficissime, le zeppoline dell’Immacolata sono una golosità imperdibile
  2. Benedetta Rossi lo fa anche il giorno di Natale. L’evento clamoroso da non perdere
  3. Coppa tiramisù, pandoro, cacao e mascarpone, una variante golosa e irresistibile

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

INGREDIENTI ( per uno stampo da 22 – 24  cm)

Per la pasta frolla:

  • 320 g di farina 00
  • 150 g di burro
  • 120 g di zucchero semolato
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 1 bustina di vanillina

Per la crema pasticcera:

  • 350 ml di latte
  • 1 uovo intero
  • 80 g di zucchero semolato
  • 20 g di farina 00
  • 25 g di amido di mais
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la pasta biscotto:

  • 60 g di farina 00
  • 60 g di zucchero semoalto
  • 1 uovo intero

Per farcire:

  • 100 g di marmellata di albicocche
  • 100 g di cioccolato fonente 70%

PREPARAZIONE ( 1h e 30 minuti circa)

Iniziare con la preparazione della pasta frolla: mescolare burro e zucchero, poi unire l’uovo e il tuorlo, la vanillina e incorporare poco alla volta la farina. Impastare velocemente, avvolgere il panetto nella pellicola e farlo riposare per 1 ora in frigo.

Nel frattempo preparare la crema pasticcera. Unire l’uovo con lo zucchero, aggiungere la vaniglia, la farina e l’amido di mais.

In un pentolino scaldare il latte e arrivato a bollore versare il composto di uova, mescolando fino a quando non si addensa a fuoco basso. Poi trasferire in una ciotola, coprire con la pellicola a contatto e lasciar raffreddare.

Realizzare quindi la pasta biscotto. Lavorare le uova con lo zucchero fino a quando saranno bianchi e spumosi. Poi aggiungere la farina mescolando delicatamente per non smontare il composto.

Subito dopo versarlo in una teglia foderata con carta forno, in uno strato sottile e cuocere a 200° per circa 7-8 minuti.
Trascorso il tempo di riposo della frolla dividerla in due parti e stenderle con il mattarello in uno spessore di circa 1/2 cm. Con una parte rivestire uno stampo delle dimensioni indicate imburrato e infarinato e spalmare sul fondo la marmellata.
Ritagliare a misura un disco di pasta biscotto e adagiarlo sopra. Proseguire versando la crema pasticcera e livellando. Aggiungere anche il cioccolato fondente ridotto in scaglie.
Torta Monterossina ricetta
Torta monterossina (Pinterest – followingmycompass.com)
Infine coprire con il secondo disco di pasta frolla e cuocere il dolce in forno preriscaldato ventilato a 170° per circa 35 minuti. Non necessita di decorazioni e va mangiata dopo averla fatta raffreddare.