Torta paradiso fredda con i Pavesini, il dessert light che accompagna le tue merende estive

Per dare uno sprint in più a questo dessert, oggi vogliamo proporvi la torta Paradiso fredda con i Pavesini, per quel tocco fresco e appagante che ci vuole per sopportare il caldo torrido di questi giorni.

Torta Paradiso fredda con i Pavesini ricetta estiva
Torta Paradiso fredda con i Pavesini (Foto di ppi09 AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

La torta Paradiso è un dolce di origini lombarde dove fu inventata da un frate erborista e cuoco della Certosa di Pavia, così chiamata perchè la sua sofficità rimandava alla soavità del Paradiso.

Solo nel 1878 il pasticcere pavese Enrico Vigoni, titolare e fondatore della Pasticceria Vigoni nel cuore sempre di Pavia, su invito del marchese Cusani Visconti, codificò la ricetta della torta paradiso che per la prima volta trovò postazione in un libro di cucina moderno.

Questo dolce si adatta ad essere mangiato a colazione o merenda, sia bella sua versione bianca tradizionale ma anche arricchita con creme di ogni gusto.

Per dare però uno sprint in più a questo dessert, oggi vogliamo proporvi la sua versione estiva, quindi torta Paradiso fredda con i Pavesini, per quel tocco fresco e appagante che ci vuole per sopportare il caldo torrido di questi giorni. Vediamo quindi ingredienti e preparazione.

Ingredienti e preparazione della torta Paradiso fredda con i Pavesini

Ovviamente quella che andiamo a creare non è la stessa torta Paradiso visto che non è prevista la lievitazione e non ci sono neppure le uova come vuole la ricetta originale. Questa fredda però la ricorda molto per via della consistenza spumosa e davvero soffice, ottima come sostituto estivo al rinomato dessert lombardo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Torta Paradiso tradizionale
Torta Paradiso (Foto di Comugnero Silvana AdobeStock)

INGREDIENTI

  • 10 confezioni di Pavesini
  • 300 g mascarpone senza lattosio
  • 230 ml panna da montare già zuccherata (VA TENUTA IN FRIGO)
  • 80 g zucchero a velo
  • 30 ml g latte intero (ma va bene anche quello vegetale di soia per consentire a tutti di mangiare il dolce)

PREPARAZIONE (circa 45 min + 2 ore in freezer)

All’interno di una ciotola capiente si versano il mascarpone, il latte e lo zucchero e velo che andranno mescolati con le fruste per creare una crema densa e compatta.

In un’altra ciotola fredda (! è essenziale) versare a panna fredda da frigo e montare con le fruste fino a ottenere una sorta di nuvola compattissima, che poi andrà versata nel composto di mascarpone e mescolata dall’alto verso il basso con una spatola per evitare che non si smonti.

Riporre la crema in frigo per mezzora a solidificare un pò. Usare uno stampo da plumcake di alluminio che andrà rivestito con abbondante carta pellicola su tutti i lati. Quindi disporre sul fondo e sui lati corti e lunghi una fila di Pavesini con la parte dritta verso l’interno.

Versare quindi la crema di formaggio e panna e livellare bene Coprire con un ultimo strato di Pavesini, sigillare la base con la carta pellicola che esce dai bordi cercando di compattare bene con le mani.

Riporre la torta in freezer per almeno 2 ore prima di mangiarla. Estrarla quindi dallo stampo, togliere la pellicola e tagliarla a fette di circa 3 cm di lato, servire con forchette e coltello.

panna montata trucchi
Panna montata (foto da pexels di los muertos crew)

A piacere si può usare anche il caffè nella panna per un gusto ancora più spaziale e intrigante (meglio evitare però se devono mangiare anche i bambini).