Tzatziki

Tzatziki
LA PREPARAZIONE

PRESENTAZIONE

Volete preparare un antipasto davvero nuovo, quasi inedito, dal sapore fresco, leggero e vellutato? La tzatziki potrebbe fare al caso vostro! La tzatziki è un tipo di antipasto greco, bulgaro, albanese e armeno usato anche come salsa o contorno e assai diffuso nei Balcani meridionali.

La base comune a tutte le principali tradizioni viene realizzata con yogurt, solitamente di pecora (o di capra), poi cetrioli (in forma di purea o finemente spezzettati), quindi aglio, sale e olio d’oliva. Altri eventuali ingredienti vengono addizionati in base ai propri gusti o alle usanze del posto. Spesso viene aromatizzato con menta, origano o aneto, con un cucchiaio di aceto e/o della cipolla o altre spezie aromatiche.

Di certo chi proverà per la prima volta la tzatziki resterà affascinato da questo mix di sapori medio-orientali. Solitamente viene servito insieme alla pita e con olive nere.

ThinkstockPhotos-468146071

INGREDIENTI

  • 400 gr di yogurt greco
  • Sale q.b.
  • 1 cetriolo
  • 3 rametti di aneto
  • 4 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO

Sciacquate per bene un cetriolo, spuntatelo e grattugiatelo con una grattugia a fori larghi, senza togliere la buccia. Mettete la parte grattugiata in un colino per un’ora in modo da fargli perdere l’acqua in eccesso. Dopo aver atteso un’ora pressatelo con il dorso di un cucchiaio in modo da far evacuare l’acqua di vegetazione.

In un mortaio schiacciate gli spicchi d’aglio precedentemente puliti. A questo punto mescolate insieme il cetriolo grattugiato, l’aglio sminuzzato, lo yogurt greco (possibilmente di pecora, molto più saporito di e intenso di quello bovino), l’olio extra vergine di oliva, il succo di mezzo limone (oppure l’aceto), la menta e mescolate con cura.

A questo punto non resta che far riposare la tzatziki in frigo per un paio di ore. Qualora vogliate conservarla per alcuni giorni si raccomanda di rivestirne la superficie con dell’olio extra vergine di oliva.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post