Un uovo al giorno aumenta il rischio di infarto?

Un uovo al giorno aumenta il rischio di infarto?

di Ivana Tramontano

Un nuovo studio sostiene che mangiare un uovo al giorno aumenta il rischio di infarto o ictus. Molti cardiologi affermano che lo studio, che riaccende un dibattito feroce e controverso sulle uova, è il più rigoroso mai pubblicato.

Valutando i dati su 30.000 persone, i ricercatori hanno scoperto che le persone con un colesterolo pericolosamente alto avevano più probabilità di avere uova nella loro alimentazione abituale. Secondo un nuovo studio un uovo al giorno aumenta il rischio di malattie cardiache del 18% e il rischio di morte prematura per un ictus del 17%.

Ma altri avvertono che non significa dover tagliare le uova dalla nostra dieta, in quanto ci sono dei vuoti significativi nello studio, che si basano su vecchi dati auto-riportati. Fondamentalmente, dopo che i ricercatori si sono adeguati all’apporto di colesterolo totale (da carne rossa, sigarette e altre fonti), la connessione delle uova si è interrotta. Gli esperti di tutte le parti concordano ampiamente sul fatto che lo studio mostra che dovremmo tenere d’occhio il colesterolo, ma non è chiaro se tagliare le uova sia il modo migliore per farlo.

Una serie di studi hanno esaminato il problema e molti ricercatori hanno fatto “recensioni” di quegli stessi studi, ottenendo risultati di ogni genere. La questione chiave è che gli studi nutrizionali sono difficili da eseguire. Il nuovo studio, pubblicato oggi sul Journal for American Medical Association, è stato introdotto in un editoriale di accompagnamento come “molto più completo” di precedenti studi, “con dati sufficienti per affermare con forza che le uova e l’assunzione complessiva di colesterolo nella dieta rimangono importanti e che influenzano il rischio di [cardiopatie] e più ancora il rischio di mortalità per tutte le cause”.

Ma diversi dottori hanno dimostrato come lo studio sia poco attendibile e basato su semplici interviste. L’unico modo per accertarsi del nesso uovo-infarto sarebbe quello di prendere 100 persone, dire a metà di loro di mangiare uova per tre anni e metà di loro di non mangiare uova. Ma non vi è alcuna garanzia che i partecipanti seguano perfettamente le regole, quindi l’unico modo per essere certi è di condurlo in un luogo dove tutto il cibo è fornito direttamente ai partecipanti, come in una prigione o in un ospedale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post