Una birra al giorno toglie il medico di torno

Una birra al giorno toglie il medico di torno

La birra è una delle bevande alcoliche preferite al mondo. E, fortunatamente per milioni di frequentatori di pub, sembra che la birra possa avere anche una serie di benefici per la salute inaspettati. Oltre a placare la sete, un bicchiere di birra contiene anche ingredienti nutrizionali che aiutano a ridurre il rischio cardiaco e aumentare la salute del cervello secondo ricercatori di Hong Kong

Sostengono che la birra vanta più proteine ​​e vitamine B rispetto al vino, è ricca di antiossidanti e può ridurre l’insorgenza di malattie cardiovascolari. “Il contenuto di antiossidanti della birra è equivalente a quello del vino, ma gli antiossidanti specifici sono diversi perché l’orzo e il luppolo utilizzati nella produzione di birra contengono flavonoidi diversi da quelli delle uve utilizzate nella produzione di vino”, afferma lo studio. “I medici dovrebbero essere consapevoli delle crescenti prove a sostegno dei benefici nutrizionali e salutistici del consumo moderato di alcol come parte di uno stile di vita sano”.

Il nutrizionista Sisi Yip ha dichiarato al South China Morning Pos : “La birra contiene tracce di minerali come calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zinco, rame, manganese e selenio, fluoruro e silicio. La birra comprende anche una serie di polifenoli come flavonoidi e acidi fenolici che avvantaggiano il corpo umano e aiutano a combattere le malattie. Se ingeriti, possono aiutare a ridurre la probabilità di sviluppare diabete e malattie cardiache, proteggendo allo stesso tempo le funzioni cognitive. Bere birra può anche portare a maggiori livelli di lipoproteine ​​ad alta densità – AKA colesterolo buono. Questo aiuta a fluidificare il sangue e rimuovere la placca nelle arterie. Tuttavia, c’è un problema: questi benefici si apprezzano solo quando la birra viene consumata con moderazione (massimo 47 cl al giorno pari ad una pinta), non in grandi quantità, altrimenti potrebbe causare danni al fegato, malattie cardiache e aumento di peso.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post