Una tazza di caffè per ridurre il rischio di cancro al…

Una tazza di caffè per ridurre il rischio di cancro al fegato

di Ivana Tramontano

Una tazza di caffè al mattino potrebbe avere maggiori benefici rispetto al solo facilitare il risveglio.

I bevitori di caffè hanno la metà del rischio di contrarre il tipo più comune di cancro al fegato. Il chicco di caffè contiene polifenoli che possono impedire la divisione delle cellule tumorali.

I ricercatori della Queen’s University di Belfast hanno esaminato quasi mezzo milione di persone, di cui oltre tre quarti hanno bevuto caffè. Avevano il 50% in meno di probabilità di diagnosi di carcinoma epatocellulare, che costituisce nove casi su dieci di cancro al fegato.

Lo studio, presentato alla conferenza del National Cancer Research Institute (NCRI) a Glasgow, ha scoperto che le persone più anziane e istruite, coloro che bevevano alcolici e in particolare gli uomini, avevano maggiori probabilità di bere caffè. I ricercatori hanno tracciato 365.157 bevitori di caffè e più di 100.000 persone che non hanno bevuto caffè, per oltre sette anni e mezzo usando dati nazionali sul cancro. A quel tempo a 88 persone fu diagnosticata la forma più comune di cancro al fegato.

Il rischio era inferiore del 50% per i bevitori di caffè rispetto a quelli che non bevevano caffè. Ma l’ultimo studio, pubblicato sul British Journal of Cancer, non ha trovato un collegamento generale tra caffè e altri tumori digestivi, nonostante abbia esaminato tipi come il cancro intestinale e dello stomaco. Uno studio separato, che ha coinvolto lo stesso team, ha scoperto che le persone che assumevano statine avevano una probabilità ridotta del 36% di essere diagnosticata un cancro al fegato. Gli esperti ritengono che le statine, prese da milioni di persone in Gran Bretagna per abbassare il colesterolo, possano ridurre il numero di cellule anormali che possono svilupparsi in tumori.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post