Uova fresche? Il test infallibile per capire il loro stato di conservazione

Ci sono una serie di accortezze che possiamo seguire per verificare che il prodotto sia, ancora, realmente genuino. Ecco il metodo infallibile. 

Uova come conoscere livello conservazione metodo casalingo
Uova fresche (Foto di olia danilevich da Pexels)

Quante volte abbiamo delle uova in frigo di cui ci dimentichiamo la data di scadenza e non sappiamo più se sono ancora commestibili? Esiste un metodo casalingo infallibile che ci permette di capire lo stato di conservazione delle uova che si basa su fondamenti scientifici validi.

Consumare uova scadute può essere molto dannoso per la salute, perché ci espone al rischio di virus, in primis quello della salmonella. Ogni uovo infatti all’interno ha una membrana sottile posta tra guscio e albume e questa forma una piccola sacca d’aria che più passa il tempo si espande come indicatore della sua freschezza.

Uova, il test dell’acqua

Il test da replicare a casa è molto semplice, basta solo un bicchiere di acqua a temperatura ambiente.

Uova come conoscere livello conservazione metodo casalingo
Uova sode e avocado (Foto di Foodie Factor da Pexels)

Prendete un uovo e adagiatelo nell’acqua, se questo galleggia, significa che la bolla d’aria interna si è estesa enormemente e quindi è vecchio di 3-4 settimane o più e va buttato.

Se, invece, affonda adagiandosi sul fianco, significa che è fresco. Se affonda in modo orizzontale significa che ha tra 1 e 3 giorni, se invece tende ad inclinarsi con la punta verso l’alto vuol dire che sta imbarcando aria ed è meglio da consumare strapazzato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –-> Vitamine e integratori da assumere in autunno: quali scegliere

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Quindici giorni massimo sono consentiti per la consumazione di un l’uovo affinché questo mantenga ancora inalterate le sue proprietà organolettiche al limite della commestibilità. In questo caso è meglio farlo sodo perchè si pelerà meglio proprio per via della camera d’aria che si crea al suo interno.