Valentina Ferragni festeggia il Carbonara Day, la ricetta proposta è da standing ovation – FOTO

La giovane di casa Ferragni ieri sera ha anticipato il grande appuntamento culinario festeggiandolo con molti amici, le stories Ig hanno spiegato passo passo come la amano dei milanesi doc (o quasi). 

Valentina Ferragni Carbonara Day ricetta
Valentina Ferragni (Instagram)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI

Tutti a tavola, domani arriva il Carbonara Day. Infatti il 6 aprile si festeggerà l’amatissimo piatto caratteristico del Lazio che però tutto il mondo di invidia per la sua incredibile scioglievolezza e connubio di sapori inserito al suo interno.

L’appuntamento chiama a raccolta tutti i buongustai che da sempre apprezzano il piatto, per una giornata ricca di iniziative celebrative dedicate alla ricetta e che sul web stanno già spopolando.

Una ricerca commissionata dai pastai di Unione Italiana Food all’Istituto Piepoli spiega che ben 9 italiani su 10 (pari al 95% degli intervistati) amano mangiare questa ricetta tradizionale sempre in compagnia, soprattutto in famiglia.

Lo sa bene Valentina Ferragni che ieri sera ha anticipato la festa nazionale con una cena a casa di amici in cui proprio la carbonara è stata la protagonista indiscussa. Ecco le varie fasi di realizzazione e le stories pubblicate dalla giovane che ha documentato passo passo ogni momento saliente.

Valentina Ferragni celebra il Carbonara Day nel migliore dei modi: pancetta o guanciale?

Per la serata di ieri si sono trovati a cucinare dietro i fornelli i quattro uomini di casa, ovvero Luca Vezil, Danilo D’Ambrosio, Cristian Romanoni e Riccardo Nicoletti ma presenti in sala anche Erlinda Lesi, Francesca e Valentina Ferragni e la padrona di casa Enza De Cristofaro.

La ricetta originale prevede l’utilizzo di guanciale che conferisce al piatto croccantezza sapore, Pecorino Romano Dop che regala sapidità. Poi pasta corta come paccheri oppure spaghetti, pepe nero in grande quantità e uova freschissime per la cremosità.

Anche l’allegra comitiva ieri sera non è stata da meno seguendo scrupolosamente al ricetta passo passo come vuole la tradizione laziale.

Nelle stories vediamo infatti i tre chef dividersi i compiti per realizzare questa cenetta per 8 persone che alla fine si è tramutata in un incontro interregionale.

I due padroni di casa napoletani hanno portato in tavola anche delle squisite trecce di Bufala Campana Dop ancora sigillate che ne dimostrano la freschezza massima.

Un bel modo per celebrare questa festività dalle origini incerte ma dalla storia ormai consolidata nella tradizione italiana che è diventata ufficiale ormai 6 anni fa, nel 2018 per volontà dell’International Pasta Organization (IPO). E voi come festeggerete la ricorrenza domani?