Vendite stellari di KitKat in Giappone: il motivo è legato al significato benaugurante del nome

Alcuni studi hanno mostrato come sia il Giappone la terra con il più alto tasso di vendita di questo snack e la causa è dovuta ad un’assonanza legata proprio al suo nome.

Kit Kat Giappone curiosità nome
Kit Kat Giappone (Pinterest)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Se pensate che i KitKat siano solo deliziosi wafer ricoperti di cioccolato, potreste dovervi ricredere. Non lo si ama solo in Europa ma anche nel Paese del Sol Levante e ora vis pieghiamo il motivo eclatante.

La testata CBS Sunday Morning è andata in Giappone per capire l’ossessione del Paese per questo snack e secondo Cedric Lacroix, amministratore delegato di cioccolato e dolciumi di Nestlé Japan, le persone acquistano “fino a cinque milioni di KitKat al giorno“.

Parte del motivo per cui sono così popolari ha a che fare con l’assonanza del nome del cioccolato in giapponese, il cui termine assomiglia molto al modo di dire “Kitto katto”.

Se siete curiosi di capire quindi a cosa si deve l’aumento delle vendite diq eusto snack, proseguite con la lettura dell’articolo, una curiosità che merita di essere letta e diffusa.

Etimologia nel mirino, il marketing del brand Nestlè ha puntato in alto

KitKat assomiglia come detto a “kitto katsu“, frase benaugurante che, nel dialetto del distretto di Kyushu, significa “Sicuramente vncerai!”. Gli studenti giapponesi comprano infatti questo dolcetto soprattutto in quei tre mesi in cui si concentrano gli esami, ovvero tra novembre e febbraio.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Kit Kat Giappone curiosità nome
Varietà e gusti Kit Kat Giappone (Pinterest @dissapore)

Il marketing Nestlé volle approfittare di questa coincidenza e proprio qualche anno fa decise di rimuovere dalle proprie insegne pubblicitarie sia cartellonistiche che web il concetto di “prendersi una pausa” che funzionava molto bene nei Paesi dell’Occidente, insistendo piuttosto su quello di successo scolastico.

E questa mossa funzionò eccome! Nel 2003 il 34% degli studenti giapponesi comprava Kit Kat tanto che la sua percentuale di vendita nel 2008 era salita di un +50% rispetto al solo anno precedente.

Nel 2009, secondo AdAge, Nestlé ha persino collaborato con il servizio postale giapponese per creare “KitKat Mail”, vale a dire un “prodotto simile a una cartolina venduto solo all’ufficio postale che poteva essere spedito agli studenti come portafortuna commestibile“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Nel 2015, il Telegraph del Regno Unito ha riferito che oltre 300 varietà KitKat sono state create appositamente per il Giappone, tra cui igname viola, matcha e wasabi. L’anno scorso, KitKat ha lanciato anche un nuovo sapore alcolico con sake.