Viaggio nello street food d’Italia regione per regione

0
17

Quella dello street food negli ultimi anni è diventata una tendenza sempre più diffusa in tutta Italia.

La cucina regionale dello Stivale si manifesta anche nel “cibo da strada” e in questa breve guida andremo a scoprire le specialità tipiche regione per regione. Partiamo dal nord Italia e da quello che si può gustare per le strade ora di Torino, ora di Milano, ma anche Trieste o Aosta, solo per fare alcuni nomi. Inizia il viaggio.

Street food in Italia: il cibo da strada fa tendenza

Secondo uno studio condotto da Unioncamere, il numero di ape-car, chioschi e food trucks in Italia è raddoppiato tra il 2013 e il 2018. A testimonianza di come lo street food stia entrando in pianta stabile nel movimento gastronomico contemporaneo. Anche le grandi riviste di settore, come il Gambero Rosso, hanno creato una guida dello street food e proprio su quella del Gambero ci basiamo per andare alla scoperta dei “locali” migliori nei quali poter assaggiare dell’autentico cibo regionale… e, perché no, anche da passeggio.
Valle D’Aosta – A Courmayeur “Tanina Ravioli e Dintorni” propone speciali “ravioli da passeggio” da poter gustare durante le passeggiate in montagna;
Piemonte – Qui lo street food d’eccezione sono le cialde dolci (simili a dei waffle) chiamate “gofri‘, e le migliori, stando alla guida del Gambero, sono quelle preparate dalla Gofreria Piemonteisa di Torino;
Liguria – Nella terra della focaccia ogni paese ne ha una tipologia diversa, ma la migliore fatta con la farina di ceci, chiamata “farinata”, è quella proposta da “Virginia” di Pietra Ligure;
Lombardia – Milano offre tantissime proposte gastronomiche, ma in fondo è pur sempre la città dei paninari e il luogo dove scartare i panini iconici è Quadronno;
Trentino-Alto Adige – Tanti tipi di pane diversi ma anche ottimi insaccati di carni locali. Come quelli del Würsterland di Walter & Michi a Bolzano;
Veneto – Qui il re dello street food è il polpo della laguna, chiamato comunemente “moscardino” e localmente ‘folpi‘. Il locale che ne ha fatto un vero simbolo è la “Folperia” di Padova;
Friuli-Venezia Giulia –  ‘Da Pepi‘ si possono assaporare ogni sorta di tagli di carne, magari in un ricco brodo contenuto nella ‘caldaia’ una tipica capiente pentola in cui il pasto viene servito.