Vino prima di dormire? La scienza dice sì

Vino prima di dormire? La scienza dice sì

Secondo uno studio della Washington State University un bel bicchiere di vino rosso prima di andare a letto aiuta a perdere peso. Le calorie verrebbero bruciate già a partire dal mattino dopo, grazie alla presenza del resveratrolo, un elemento della buccia dell’acino d’uva a cui si attribuiscono anche funzioni antitumorali.

Secondo agli studiosi questo antiossidante, presente anche in mirtilli, uva, fragole e lamponi, aiuta a prevenire l’obesità e le disfunzioni metaboliche. In alcune ricerche è stato somministrato su topi cavie ed è stato rivelato che gli esemplari che avevano immagazzinato più resveratrolo registravano un deposito minore di grassi del 40%.

Ovviamente questo non significa avere via libera al consumo di vino rosso. I benefici si traggono solo rispettando le dosi consigliate, quindi 2 bicchieri al giorno (1 per le donne). Perché è meglio bere il vino durante le ore notturne? Secondo alcuni ricercatori che hanno analizzato gli effetti del resveratrolo sulle api, il vino aiuta a ridurre la sensazione di fame. Potrebbe essere che il vino scoraggi semplicemente dal farsi uno spuntino a notte fonda.

Ma il vino rosso nasconde anche molti altri benefici per la nostra salute. Il resveratrolo presente nel vino rosso abbassa i livelli di colesterolo cattivo LDL nel sangue. Previene quindi la formazione di pericolosi coaguli di sangue nei vasi sanguigni. Se bevuto nelle dosi consigliate è anche in grado di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari: ad esempio l’arteriosclerosi, l’infarto, l’ictus o l’angina pectoris

Recenti studi evidenziano come il vino rosso possa essere d’aiuto nel prevenire la perdita della memoria causata dall’avanzare dell’età. In più ha la capacità di ridurre il rischio di cancro all’intestino e contrastare l’attività dei radicali liberi e rallenta l’invecchiamento.

Infine l’alcol può avere un’azione tranquillante e ridurre la fame nervosa. Un bicchiere di vino aiuta anche a digerire meglio, perché il suo sapore gradevole e l’alcol stimolano la secrezione gastrica e intestinale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post