Ziti lardiati, la ricetta tradizionale per la domenica della cucina campana

Gli ziti lardiati sono un piatto adatto per la domenica a pranzo in cui solitamente si mangia più condito e saporito rispetto al resto della settimana

Ziti lardiati
Ziti lardiati (Instagram)

La ricetta degli ziti lardiati ha antiche origini contadine che si rispecchiano nella tradizione culinaria italiana e in particolare in quella napoletana. Il nome “lardiato” significa letteralmente “lardellato” e indica l’aggiunta della carne di maiale al sugo di pomodoro.

Lo stesso ingrediente che dà il sapore deciso a questo piatto può essere aggiunto, sempre secondo la tradizione culinaria della Campania anche alla pasta e patate o alla pasta e fagioli, ad esempio, per renderle più gustose e corpose.

Ziti lardiati, la ricetta tradizionale della domenica

Se vi capita di andare in vacanza a Napoli e nel menù di alcune tipiche trattorie non trovate gli ziti lardiati vuol dire che non sono descritti con questo nome. Potreste quindi chiedere allo chef o cercarli con gli altri appellativi per cui sono conosciuti ovvero maccaroni (maccheroni) o maccaruncielli alla lardiata. Ma rimanendo lontano dalla città alle pendici del Vesuvio potete provare a cucinarli da soli per un pranzo domenicale ricco visto il gusto deciso di questo primo piatto.

Ziti lardiati
Ziti lardiati (Instagram)

Ingredienti

200 grammi di cotenne di maiale

Una lattina di pomodori pelati

Un mix di soffritto di sedano, carota e cipolla oppure i tre ingredienti da tagliare e usare insieme

Uno spicchio d’aglio

Prezzemolo q. b.

Sale q. b.

Pepe q.b.

Olio q.b.

350 grammi di Ziti

Procedimento

Per prima cosa eliminate la parte del grasso della cotenna di maiale, facendola bollire in una pentola con l’acqua e tagliando con un coltello affilato il grasso, appunto.

A questo punto prendete un tegame capiente e aggiungete olio, sedano, carota e cipolla.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Salsicce con la verza in padella, un piatto che vi scalderà il cuore

A metà cottura aggiungete le cotenne di maiale che avrete tagliato sottilissime. Fate soffriggere il tutto e versate i pelati.

Cuocete per un’ora circa e aggiustate di sale e pepe. Bollite gli ziti e uniteli al condimento. Saltate con prezzemolo e pecorino grattugiato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Cozze ripiene alla livornese, la ricetta del tipico piatto toscano