Gli italiani preferiscono le zuppe alla pasta

Gli italiani preferiscono le zuppe alla pasta

Secondo un’indagine della Cna agroalimentare (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa) gli italiani sono sempre più propensi a consumare più zuppe e meno pasta. In base ad un’analisi di mercato su pasta e pane questa scelta “insolita” degli italiani viene addebitata dalle preferenze verso cereali e farro a motivi collegati al desiderio di non ingrassare, ai tempi di preparazione più lunghi e a problemi di digeribilità.

La tendenza, osserva la Cna in una nota, è confermata anche dall’arrivo sul mercato di nuovi tipi di pasta che stanno trovando il favore dei consumatori, come quella bio, la gluten free e le paste premium di altissima qualità. Gli italiani consumano più di 100 kg all’anno di derivati dal grano duro e tenero. La produzione di cereali sul territorio è invece di 2 miliardi l’anno (in progressivo aumento dal 2010), mentre quella del grano è di 750 milioni di tonnellate (40 milioni è fatto di grano duro, il 10% della produzione mondiale).

Ogni anno un italiano consuma in media 24 kg di pasta, mentre è quasi di 60 chili pro capite il consumo di pane, focacce e pizze dai forni artigianali. La Cna rileva infine che nel 2017 l’Italia ha importato oltre il 50% del proprio fabbisogno di cereali, semi oleosi e farine di estrazione e nella totalità della filiera l’utilizzo cerealicolo è di 39 milioni di tonnellate annue, con un’importazione italiana dall’estero di circa 20 milioni di tonnellate. La produzione della pasta ha un volume di esportazione all’estero di 1,9 milioni di tonnellate all’anno, più del 50% della produzione totale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post