Alessandro Borghese stupisce tutti: “Quante vite ha?”

Conoscete Tokyo uno dei tre gatti di Alessandro Borghese? Un vero e proprio amore felino quello dello chef che non ha limiti.

Sono diverse le passioni di Alessandro Borghese, famiglia e cucina su tutto ma anche i felini, lo chef ha infatti 3 gatti di cui è molto innamorato; a rapirgli il cuore soprattutto Tokyo il primo gatto entrato in casa Borghese e l’altro maschio della famiglia oltre lo chef.

alessandro borghese chi è Tokyo
Alessandro Borghese (foto da Instagram) -CheCuccino

Sono in tre e hanno anche un profilo Instagram seguito da oltre 16mila persone; si chiamano Tokyo, Savannah e Chrystal sono degli Exotic Shorthair e sono i gatti di Alessandro Borghese. Aspetto e carattere irresistibile, questa razza di gatto nascono dall’incrocio tra un Persiano e un American Shorthair, un vero e proprio perfetto gatto di appartamento, equilibrato e tranquillo.

Questo però non vuol dire che non sappiamo giocare con i padroni o non abbiano bisogno di coccole e anzi proprio i post dello chef dimostrano quanto gli siano affezionati e quanto lo cerchino per un po’ di fusa.

Alessandro Borghese e l’amore per Tokyo

Quella di Borghese è una passione per i felini che non ha davvero eguali e i suoi gatti li ama tutti. Tuttavia è con Tokyo che si è instaurato negli anni un legame speciale.

Legame speciale dovuto al fatto che Tokyo è stato il primo felino a mettere piede in casa Borghese ma anche e soprattutto perché si tratta dell’altro maschio di casa.

In famiglia, lo sappiamo, il genere femminile prevale: dopo la moglie e le due figlie, lo chef aveva bisogno di un compagno con cui condividere momenti da “compagni”, così è arrivato Tokyo ed è stato colpo di fulmine.

PER NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM E TELEGRAM

Ma quante vite ha un gatto? E soprattutto non lasciatevi intenerire da quel faccione dolce e tranquillo, perché anche un felino come Tokyo può creare un po’ di disordine. Ma Tokyo può stare tranquillo, papà Ale è sempre pronto a stare dalla sua parte anche se dovesse “giocare per 3”.