Salvia, usala così. Ti basta un rametto a cambiarti la vita

Conosciuta in cucina come spezia e anche per le sue proprietà mediche, la salvia può essere utilizzata anche in un altro modo. Basta essiccare un rametto, ecco come.

salvia essiccata
Salvia fresca (foto da AdobeStock_)

La salvia, oltre ad essere la profumatissima pianta molto utilizzata in cucina, è anche conosciuta per le sue numerose proprietà medicinali; può infatti essere utilizzato come decotto con effetti disinfettanti, ci sono poi quelle antibatteriche o ancora antifungine e antisudorifere.

Alcuni studi, hanno poi dimostrato la potenziale azione antinfiammatoria esercitata attraverso l’inibizione della sintesi di mediatori chimici pro-infiammatori da parte dei macrofagi. Tutti questi paroloni stanno a significare che la salvia può essere utilizzata come rimedio naturale contro il mal di gola, ma anche come tonico digestivo e nervoso.

A tutti questi usi medici può esserne affiancato uno del tutto diverso e che ha il compito di purificare e profumare l’ambiente domestico. Si tratta infatti di creare un incenso proprio con un tronco di salvia.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come creare un incenso di salvia

Di fatto la salvia officinalis è una pianta molto utilizzata anche per purificare gli ambienti domestici, solitamente a scopo energetico e questo perché i suoi oli essenziali hanno dimostrato la loro potenziale intellettiva. Non ci resta che vedere come creare un incenso fatto di salvia.

incenso di salvia
Cestino di salvia fresca (foto da AdobeStock_)

Tutto quello che dovrete fare per creare un incenso di salvia è procuravi un mazzetto secco della pianta aromatica e legarlo con un filo di spago alle due estremità e al centro. Oltre a questo vi serviranno anche una ciotola per raccogliere la cenere e un accendino o fiammifero.

A questo punto, accendete la salvia all’interno della ciotola, quindi scuotetela delicatamente per spegnerla. Non resta che girare per le stanze di casa facendo disperdere il fumo che ne deriva. In alternativa potete usare anche un bruciatore di incenso: con un pezzo di carbone si mette a bruciare la pianta e la si girare sempre per casa. Infine, se non volete ricorrere al fumo, potete purificare l’ambiente spruzzando l’olio essenziale alla salvia diluito con l’acqua.

LEGGI ANCHE-> Anche l’acqua ha una data di scadenza e faresti bene a leggerla | Può essere pericolosa

Come creare il rametto di incenso

Vediamo ora nel dettaglio come fare per creare nel modo giusto il rametto di salvia per l’incenso. Partendo dal presupposto che la salvia deve essere secca, dovrete:

  • Tagliare i rametti di foglie di cui avete bisogno.
  • Raggruppate le foglie in modo da formare un fagotto allungato, che poi legherete (come in foto, ndr) e appenderete in un luogo asciutto in modo che perda l’umidità e si essicchi.
incenso di salvia
Fagotto di salvia essiccata (foto da pexels di anna-tarazevich)

LEGGI ANCHE-> Basta puzza di frittura. Abbiamo la soluzione: il cattivo odore sparirà se fai così

  • Infine, dovrete solo controllare che sia pronto: il tempo varia in base alle condizione domestiche per capire se è possibile utilizzarlo basta strizzarlo e capire se disperde ancora un po’ di umidità. Nel caso questo non succeda allora potete usarlo.