I trucchi migliori per conservare il basilico: così non sbagli

Dal congelamento passando per l’essicazione, ma non solo: ecco quattro trucchi o meglio tecniche diverse per conservare al meglio il basilico.

come conservare al meglio il basilico
Basilico (foto da pexels di pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il basilico è una delle piate aromatizzate più utilizzate nella cucina italiana e in generale in quella mediterranea. Il periodo di piena fioritura è l’estate, è durante questa stagione, infatti, che migliaia di piantine invadono i balconi italiani o mazzi abbandonati e super profumati sono venduti nei banchi dei supermercati.

Alla fine dell’estate però spesso si resta con piante ancora buone ma che sono destinate a morire perché la pianta non sopravvive alla stagione invernale. L’ideale a questo punto sarebbe quello di conservare al meglio il basilico, ma quali sono i trucchi migliori per farlo? Di seguito ve ne condividiamo alcuni; metodi sicuri che non vi faranno sbagliare.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come conservare il basilico in barattolo

Il metodo più diffuso per conservare il basilico è sicuramente in congelamento, ma esistono altri trucchi altrettanto efficaci, ve li spieghiamo di seguito.

basilico sotto sale
Basilico sotto sale (foto da Pinterest di @blogthatsamore)

Congelare le foglie. Questa tecnica, lo si diceva prima, è sicuramente il metodo più semplice e veloce per conservare il basilico tutto l’anno. Basta solamente lavare le foglie, asciugarle bene, riporle in un contenitore o in un sacchetto per alimenti e, infine, porre in congelatore.

Basilico sotto sale. È un altro trucco che permette di conservare il basilico molto a lungo. Metterlo in pratica è molto semplice; una volta lavate e asciugate le foglie, basta sistemarli in vasetti di vetro alternandoli con strati di sale fino. L’ultimo strato dovrà essere di sale, quindi schiacciate il tutto, ricoprite con un filo d’olio e chiudete. L’unica accortezza è quella di ricoprire con un filo di olio ogni volta che si preleva un po’ di basilico dal barattolo.

Basilico sott’olio. La base di partenza è sempre la stessa: lavare ed asciugare bene il basilico, quindi sterilizzate i barattoli di vetro ed inserire le foglie. A questo punto bisogna coprire il contenuto del contenitore con olio extravergine d’oliva fino a sommergere del tutto le foglie. Chiudere ermeticamente e riporre in frigo. Questa tecnica è in assoluto il metodo migliore per mantenere inalterati il colore e il profumo di questa erba aromatica.

basilico essiccato
Basilico essiccato (foto da Pinterest di @IncucinaconMire)

-Chiudiamo con il basilico essiccato. Quello dell’essiccatura è il metodo più duraturo; anche qui bisogna pulire ed asciugare le foglie. Una volta asciutte, bisogna poi raggrupparle legarle insieme agli steli con uno spago. A questo punto basta appendere i mazzetti in una stanza fresca ed areata. Una volta fatti riposare per 10-14 giorni il basilico è pronto.

Gestione cookie