Zeppole con le patate, dolci di Carnevale al profumo di limone

Zeppole con le patate, il dolce classico di Carnevale al profumo di limone: ricetta spettacolare. 

Zeppola di Carnevale ricetta
Zeppola di patate (Foto di Maria per AdobeStock)

Dopo il periodo natalizio, è già tempo per prepararsi alle prossime ricorrenze. La prima in ordine temporale è quella di Carnevale. Quest’anno l’appuntamento più amato dai bambini giunge tardi, cioè il prossimo primo marzo.

Secondo alcune tradizioni, la parola ‘Carnevale’ deriva dal latino carnem levare (togliere la carne, eliminarla): in questo giorno si teneva l’ultimo banchetto con la carne come pietanza, perché poi iniziava il periodo di Quaresima dove c’è appunto il periodo di astinenza.

Secondo i riti etruschi e quelli romani, invece, il giorno di carnevale era importantissimo perché si assisteva al passaggio dall’inverno alla primavera, con le terre che diventavano nuovamente fertili. Tralasciando queste antichissime credenze, oggi quando arriva questa ricorrenza si festeggia con feste in maschere, parate in piazza e divertimenti in generale.

Da qualche anno, tuttavia, non ci sono stati più grandi eventi perché a causa della pandemia di coronavirus non possono verificarsi assembramenti. Nonostante ciò, c’è chi ancora si diverte nel preparare le pietanze tipiche del periodo. A Napoli, per esempio, ci sono alcune portate che non devono proprio mancare: si parte dalla Lasagna e si arriva alle Zeppole con le patate.

Quest’oggi concentriamo l’attenzione sulla ricetta per realizzare queste particolarissime zeppe, fatte proprio con le patate: possono infatti esserci zeppole senza patate, per questo motivo lo specifichiamo.

Zeppole con le patate: la ricetta dei dolci di Carnevale

Le zeppole con le patate si preparano proprio nel periodo di Carnevale e sono dolci rigorosamente fritti. Il procedimento non è per nulla complesso: vediamolo insieme.

Zeppola di Carnevale ricetta
Zeppole (Foto di V.De Bernardo per AdobeStock)

INGREDIENTI (PER 30-35 PEZZI)

  • 500 g di farina 00
  • 1 pizzico di sale
  • Olio di semi di arachide per frittura
  • 4 uova
  • 500 g di patate
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 100 g di burro a temperatura ambiente
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • Zucchero o cannella per cospargere i dolci

PROCEDIMENTO

Lavate e bollite le patate in acqua salata. Fatele poi raffreddare e togliete la buccia. Su una spianatoia, disponete la farina a fontana e aggiungete lievito e acqua calda. Sciogliete il lievito nell’acqua versata e aggiungete le uova e due cucchiai di zucchero.

Mettete ora il pizzico di sale e il burro morbido a pezzetti. Schiacciate le patate e riversatele proprio al centro della “fontana” di farina. Impastate ora con le mani e amalgamate per bene gli ingredienti. L’impasto dovrà essere morbido, ma non fatelo diventare appiccicoso: aggiungete altra farina se serve.

Con un coltello tagliate l’impasto e fate i classici buchi che si vedono anche quando fate il pane. Formate una palla, copritela con un paio di coperte e fate lievitare per almeno un’oretta.

Trascorso il tempo di lievitazione, prendete l’impasto e ricreate dei cordoncini di 1.5 mm di spessore. Tagliateli ogni 10-15 centimetri e uniteli bene: fate un buco bello grande altrimenti quando lievita ancora la zeppola tende a chiudersi.

Una volta preparate le graffe, copritele nuovamente con una coperta e fate lievitare per un’altra ora. Scaldate l’olio di arachide in una pentola a bordi alti e friggete due zeppole per volta. Quando il dolce sale a galla, fate colorire per 20-30 secondi per ogni lato.

A questo punto, scolate la zeppola e mettetela su un vassoio sopra la carta assorbente per assorbire tutto l’olio in eccesso. Ripetete l’operazione per tutte le altre graffe. Una volta ultimata la frittura, immergetele in un piatto con zucchero e cannella quando sono ancora calde: in questo modo si amalgamerà perfettamente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Frittelle di Carnevale ricotta e uvetta, deliziose e pronte in 15 minuti

Zeppola di Carnevale ricetta
Zucchero (Foto di Schiros per AdobeStock)

L’aroma e la bellezza di queste graffe vi colpirà anche mentre le preparate: sarete sicuramente tentati dal mangiarne una mentre friggete le altre. Anche chi le proverà resterà sicuramente a bocca aperta e le gusterà con gioia e con piacere.