5 ore davanti allo smartphone? Ecco i danni per la salute

5 ore davanti allo smartphone? Ecco i danni per la salute

di Ivana Tramontano

Trascorrere ore ogni giorno incollati su uno smartphone potrebbe aumentare notevolmente il rischio di obesità.

I ricercatori hanno scoperto che gli studenti universitari, che hanno trascorso cinque ore o più sui loro telefoni cellulari, avevano il 43% in più di probabilità di essere obesi rispetto ai loro coetanei che avevano meno tempo sullo schermo. Questo perché gli studenti dipendenti dal telefono avevano il doppio delle probabilità di bere bevande zuccherate e mangiare fast food e caramelle, e due volte meno probabilità di svolgere attività fisica.

Lo studio, condotto dall’università Simón Bolívar di Barranquilla, in Colombia, è l’ultimo di una ricerca che suggerisce che l’uso del telefono può interrompere il metabolismo notturno, causare privazione del sonno e influire sull’autocontrollo, il che potrebbe portare all’obesità.

Il team ha esaminato più di 1.000 studenti universitari di sesso maschile e femminile tra giugno e dicembre 2018. Hanno monitorato l’utilizzo quotidiano dello smartphone. I risultati hanno mostrato che gli studenti avevano il 43 percento in più di probabilità di essere obesi se uno smartphone veniva utilizzato cinque o più ore al giorno.

Le donne che hanno utilizzato il proprio smartphone per più di cinque ore avevano quasi il doppio delle probabilità di sovrappeso rispetto agli uomini e solo leggermente più probabilità di essere obese. Trascorrere troppo tempo davanti agli smartphone facilita comportamenti sedentari, riduce il tempo di attività fisica, aumentando il rischio di morte prematura, diabete, malattie cardiache, diversi tipi di cancro, disagio osteoarticolare e sintomi muscoloscheletrici. Inoltre uno studio all’inizio dell’anno condotto dalla Rice University in Texas ha scoperto che l’uso smodato dello smartphone ha portato a una riduzione dell’autocontrollo quando si trattava di fast food.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post