Come conservare l’aglio più a lungo. Il metodo per farlo durare per mesi

Se si pensa che l’aglio si conservi in qualunque circostanza e situazione, ci si sbaglia di grande. Come tutti i prodotti ha delle metodologie di conservazione ben precise per farlo durare diversi mesi. Scopriamo insieme quali sono.

aglio
aglio (foto di bit24 da Adobe Stock Photo)

Tutti gli alimenti hanno una propria metodologia di conservazione per far sì che i loro valori nutrizionali non vadano persi. L’aglio non è da meno.

Questa è una spezia usatissima nella cucina italiana soprattutto per preparare soffritti che andranno a condire pasta o anche carni.

Molto spesso però accade che per cucinare il pasto giornaliero, si usano uno o due spicchi d’aglio, lasciando poi il resto del bulbo da qualche parte in dispensa per molto tempo. In questo modo l’alimento in questione si ammorbidisce e perde tutto il suo sapore.

Inoltre andrebbero ricordati i benefici che questa spezia fornisce al corpo: rafforza le difese immunitarie, abbassa il colesterolo, fornisce più energie per gli sportivi e aumenta cospicuamente la salute delle ossa.

Dunque esistono 3 consiglio principali su come conservare l’aglio. Andiamo a scoprirli insieme!

Come conservare l’aglio più a lungo

Una regola da rispettare assolutamente, al contrario della cipolla per cui va sempre osservata: mai riporre in frigo l’aglio per la conservazione!

usi dell'aglio
Aglio tagliato a spicchi (foto di MaisonBoutarin da Pixabay)

La giusta temperatura per l’aglio

La temperatura perfetta per la conservazione della spezia è tra i 15 e 18 gradi. Ovviamente non dovrete cercare per casa con un termostato la temperatura ideale!

L’importante è che non si conservi né in frigo (troppo freddo), né in dispensa (troppo caldo). Il consiglio è quello di riporlo nel posto più vicino al pavimento che è il luogo dove si attestano i gradi precitati. Inoltre mai mettere il bulbo nei pressi di fornelli, macchine del caffè o bollitori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> 10 usi dell’aglio che non riusciresti mai ad immaginare

Aerazione

Vi siete mai chiesti perché l’aglio viene venduto in delle buste bucherellate o a rete? Proprio per questo motivo. Esso ha bisogno di tanta aerazione affinché si conservi nel modo giusto e non perda il suo inconfondibile sapore.

Dunque per far sì che la spezia goda di ventilazione adatta, mai richiuderlo in un sacchetto o in contenitori ermeticamente chiusi (a meno che non si tratti del caso del prossimo paragrafo).

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Aglio, mangialo tutti i giorni. I motivi per cui può salvarci la vita

Come conservare gli spicchi d’aglio sbucciati

bagna cauda ricetta veloce Bimby
Aglio (Foto di congerdesign da Pixabay)

Se hai sbucciato più aglio di quanto te ne serva, non preoccuparti, non devi gettarlo nell’immondizia! Esso si può conservare per circa due giorni seguendo una regola.

Bisognerà infatti conservarlo in un contenitore, preferibilmente di vetro, ermeticamente chiuso e riporlo all’interno del frigorifero. Seguite questo consiglio solamente per i bulbi sbucciati.