I funghi possono dimezzare il rischio di demenza

I funghi possono dimezzare il rischio di demenza

Mangiare due porzioni di funghi a settimana potrebbe dimezzare il rischio di demenza in età avanzata. I ricercatori hanno scoperto che le persone che mangiano 300 g o più di funghi cotti hanno un rischio ridotto di compromissione cognitiva lieve.

I funghi contengono un amminoacido che il corpo non può produrre da sé e che si trova in livelli particolarmente bassi nelle persone con MCI. I ricercatori della National University di Singapore hanno intervistato più di 600 cinesi over-60 nel corso di sei anni sulla dieta e sulla salute. I partecipanti hanno anche preso parte a test per capire quanto bene funziona il loro cervello e dare loro un “rating di demenza” per valutare quanto le loro menti fossero state danneggiate dall’età.

Coloro che mangiavano più di due porzioni di funghi cotti ogni settimana avevano fino al 50 per cento in meno di probabilità di avere un lieve deterioramento cognitivo. Sebbene 300 g di funghi sembrino molti, i ricercatori ritengono che anche una piccola porzione possa essere utile per ridurre il rischio di MCI.

Sebbene le persone con MCI possano di solito svolgere ancora attività quotidiane, le loro capacità mentali sono peggiori di quanto ci si aspetterebbe per la loro età. Non è un tipo di demenza, ma le persone con MCI hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza.

“Siamo molto interessati a un composto chiamato ergotioneina (ET)”, ha affermato il dott. Irwin Cheah. “ET è un antiossidante e anti-infiammatorio unico che gli esseri umani non sono in grado di sintetizzare da soli. Ma può essere ottenuto da fonti alimentari, uno dei principali è il fungo”. I funghi menzionati nella ricerca erano funghi champignon bianchi, shiitake e variet d’oro, così come funghi secchi e in scatola.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post