Pesce e patatine fritte: porzioni minori per contrastare l’obesità

Pesce e patatine fritte: porzioni minori per contrastare l’obesità

Pesce e patatine fritte possono essere gustati senza rischiare di diventare obesi. Scopriamo il segreto.

Gli esperti ritengono che offrire versioni più piccole potrebbe essere la chiave per ridurre i livelli di obesità. I ricercatori dell’Università di Newcastle hanno scoperto che le porzioni ristrette possono ridurre drasticamente l’apporto calorico, mantenendo al tempo stesso i clienti felici.

Hanno collaborato con un fornitore di fish and chips per sviluppare una porzione con circa 600 calorie – 1.000 in meno rispetto a una porzione tradizionale e in linea con le linee guida nazionali per i pasti. Questi sono stati poi offerti in una dozzina di negozi di fish and chips nel nord-est insieme ai loro menu normali.

I proprietari dei negozi da asporto hanno ricevuto un briefing di tre ore sulle dimensioni eccessive delle porzioni e su come le ricerche di mercato hanno mostrato che molti clienti volevano essere più attenti alla salute e avere pasti più piccoli. Le scatole pasto, chiamate Lite-BITE, consistevano in un pesce da 5 once (142 g) e 5 once di patatine fritte in olio vegetale e in genere costavano ai clienti circa £ 4 – circa £ 1,60 in meno rispetto alle versioni a grandezza naturale.

Lo studio ha rilevato che una persona su cinque ha acquistato le alternative più piccole, mentre quattro su dieci hanno dichiarato che avrebbero preso in considerazione una riduzione.Gli acquirenti segreti, i sondaggi con i clienti e le interviste hanno indicato che i clienti erano soddisfatti delle porzioni più piccole e che i proprietari di piatti da asporto erano felici di venderle.

Il ministero della Salute pubblica inglese vuole che gli adulti non consumino più di 400 calorie a colazione, 600 a pranzo e 600 a cena. Ma il crescente numero di fast food è stato accusato di alimentare la crisi dell’obesità, con due terzi degli adulti e uno su tre ora sovrappeso o obeso. L’anno scorso è stato rivelato che il numero di fast-food è aumentato di un terzo in otto anni ed è al suo livello più alto da quando le cifre sono state compilate per la prima volta nel 2010.

L’autore principale Louis Goffe ha dichiarato: “Il settore del take-away indipendente è uno dei settori alimentari più difficili con cui lavorare per apportare cambiamenti.Questa ricerca sottolinea l’importanza di lavorare con fornitori all’ingrosso, che hanno una forte relazione con i commercianti, per migliorare i benefici per la salute degli alimenti caldi da asporto. Le vendite dimostrano che esiste una richiesta di porzioni più piccole e speriamo che questo funga da modello per gli altri nel settore dei fast food”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post