Succhi di frutta e cancro: può bastare una dose minima

Succhi di frutta e cancro: può bastare una dose minima

di Ivana Tramontano

Solo un bicchiere di succo di frutta o tè zuccherato al giorno potrebbe aumentare significativamente il rischio di cancro.

I ricercatori hanno scoperto che ogni porzione di 100 ml di succo di frutta puro consumato ogni giorno aumenta le probabilità di sviluppare il cancro del 12%. E bere lo stesso volume di bevande analcoliche zuccherate aumenta il rischio di cancro del 19%. Anche una tazza di tè con due cucchiaini di zucchero potrebbe essere poco salutare.

I medici hanno detto che lo studio – che ha monitorato oltre 100.000 persone in Francia – rafforza il caso di una robusta azione del governo per ridurre il consumo di bevande zuccherate. E le bevande analcoliche sono la più grande fonte di zucchero nella dieta di bambini e adolescenti, fornendo il 33 per cento di assunzione di zuccheri da 11 a 18 anni.

Da notare, nonostante la loro immagine complessiva sana e naturale. il 100% dei succhi di frutta in genere contengono alti livelli di zucchero semplice – 10,3 g / 100 ml in questo studio, a volte superiore alla normale soda. Il team ha monitorato 101.257 persone che avevano 42 anni in media all’inizio dello studio e sono state seguite per una media di cinque anni.

I risultati hanno mostrato che per ogni 100 ml di succo di frutta al giorno l’aumento del rischio era del 12% e per le bevande zuccherate era del 19%.

Le bevande di frutta naturale ad alto contenuto di zuccheri, che prosperano in tutto il mondo e sono commercializzate come un’opzione”più sana” da aziende produttrici di succhi e frullati, possono essere altrettanto cattive se non peggiori delle bevande gassate che stanno tentando di sostituire, poiché in molti casi può avere un contenuto di zucchero totale ancora più elevato.

L’obesità è una causa nota di 13 diversi tipi di cancro, ma il nuovo studio ha rilevato che anche le persone magre erano ad alto rischio se bevevano bevande zuccherate o succo di frutta. Una spiegazione sul legame tra bevande zuccherate e cancro potrebbero essere l’elevato carico glicemico di bevande zuccherate. Il dott. Graham Wheeler, statista senior presso l’University College di Londra, ha accolto favorevolmente lo studio, ma ha sottolineato che pochissime persone si ammalano di cancro a causa del consumo di prodotti dolci.

I partecipanti sono stati seguiti in media per circa cinque anni e 22 partecipanti su 1.000 hanno sviluppato una qualche forma di cancro. Questo presuppone che esista un vero nesso causale tra l’assunzione di bevande zuccherate e lo sviluppo del cancro, e ciò richiede ancora ulteriori ricerche”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post