Un bicchiere di vino non è dannoso per i malati di…

Un bicchiere di vino non è dannoso per i malati di cuore

Un bicchiere al giorno di vino o una birra da 33 cl non sarebbero dannosi per i pensionati con insufficienza cardiaca, anzi li aiuta a vivere più a lungo secondo un recente studio americano.

Gli over 65 che bevono moderatamente vivono di un anno più a lungo di quelli che abbandonano completamente l’alcol dopo una diagnosi di insufficienza cardiaca. Il dott. David Brown della scuola di medicina dell’Università di Washington a St. Louis ha detto che i pazienti spesso chiedono se devono smettere di bere. La sua nuova ricerca conferma che non devono e forse non dovrebbero.

L’insufficienza cardiaca è una condizione a lungo termine comune negli anziani in cui il cuore diventa troppo debole o rigido per pompare sangue nel corpo in modo appropriato. Può essere causato da un attacco di cuore o altre condizioni croniche come il diabete o malattie renali.

Sappiamo da tempo che gli effetti tossici dell’eccesso di alcol possono contribuire all’insufficienza cardiaca. Ma adesso abbiamo dati che dimostrano che le persone sane che bevono moderatamente sembrano avere una certa protezione dall’insufficienza cardiaca a lungo termine, rispetto alle persone che non bevono affatto. “Ma c’erano pochissimi dati, se non nessuno, per aiutarci a consigliare alle persone che bevono con moderazione e che hanno appena avuto una diagnosi di insufficienza cardiaca”, ha spiegato una ricercatrice. Lo studio ha mostrato un “beneficio di sopravvivenza” per i bevitori moderati rispetto a quelli che si sono astenuti dall’alcol.

In media, la loro aspettativa di vita era solo più di un anno più lunga rispetto agli astenuti – una differenza che i ricercatori hanno definito “statisticamente significativa”. I risultati, tuttavia, non hanno suggerito che i non drinker dovrebbero iniziare a bere dopo una diagnosi di insufficienza cardiaca. Il Prof Brown ha detto: “Le persone che sviluppano insufficienza cardiaca in età avanzata e non bevono mai non dovrebbero iniziare a bere. Ma il nostro studio suggerisce che le persone che hanno bevuto una o due volte al giorno prima della diagnosi di insufficienza cardiaca possono continuare a farlo senza preoccuparsi di causare danni.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post