Acqua Di Uva Passa: Un Toccasana Per Depurare Sangue, Fegato E…

Acqua Di Uva Passa: Un Toccasana Per Depurare Sangue, Fegato E Reni
LA PREPARAZIONE

L’uva passa è uno degli alimenti più ricchi di antiossidanti e spesso i medici la consigliano al mattino, per difendere la salute del cuore, pulire il sangue e depurare il fegato e i reni. L’acqua di uva passa concentra ancor più i benefici di questo frutto essiccato, facilita la digestione, regola i livelli di colesterolo e trigliceridi, combatte la stitichezza grazie al contenuto di fibre ed è fonte di vitamine e sali naturali.

L’acqua di uva passa è molto salutare perché rispetto agli acini d’uva contiene meno zuccheri ed è quindi un autentico toccasana per il sangue. Inoltre la presenza di flavonoidi combatte l’azione dei radicali liberi e aiuta a prevenire malattie tumorali e a rafforzare le difese immunitarie. Per beneficiare delle sue grandi proprietà si consiglia di bere l’acqua dell’uvetta per quattro giorni consecutivi una volta al mese: sarà di grande aiuto quando vi sentite pesanti in seguito ad una grande abbuffata ricca di grassi e ad una cattiva digestione.

Il procedimento per preparare l’acqua di uva passa è semplice, ma badate di acquistare una passa biologica e senza conservanti, quindi trattata solo con metodologie naturali. Gli acini devono essere integri e di medie dimensioni e diffidate dell’uvetta di colore troppo lucido, solitamente trattata con elementi non naturali.

Vediamo insieme come preparare l’acqua di uva passa. Fate bollire l’acqua per una quantità pari a due tazze (o 40 cl). Sciacquate l’uvetta (150 grammi) e aggiungetela nella pentola dell’acqua. Fate sobbollire a fiamma bassa per circa 30 minuti, spegnete il fuoco e lasciate riposare l’uvetta nell’acqua per una notte intera. Il mattino seguente filtrate, riscaldate la bevanda e bevetene un bicchiere a stomaco vuoto, mezz’ora prima di fare colazione. L’acqua di uva passa va bevuta calda o tiepida al mattino, per quattro volte al mese e ricordate sempre di attendere almeno mezz’ora prima di fare colazione.

 

 

 

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post