Coca Cola è in trattativa per creare una bevanda alla cannabis

Coca Cola è in trattativa per creare una bevanda alla cannabis

La Coca-Cola Company ha detto che sta osservando attentamente l’uso crescente di bevande a base di cannabis, un altro segno che la cannabis e i prodotti a base di cannabis stanno ottenendo maggiore accettazione nella cultura tradizionale e uno sguardo più interessato dai solidi pilastri del business americano .

La dichiarazione è arrivata dopo che il gigante delle bevande era in trattative con la società Aurora Cannabis per creare una bevanda salutare infusa con cannabidiolo, un composto naturale non psicoattivo derivato dalla pianta di cannabis.

Il cannabidiolo (CBD) è un metabolita della Cannabis sativa. Ha effetti rilassanti, anticonvulsivanti, antidistonici, antiossidanti, antinfiammatori, favorisce il sonno ed è distensivo contro ansia e panico. Si è rivelato inoltre in grado di ridurre la pressione endooculare ed è un promettente antipsicotico atipico.

La portavoce di Aurora Heather MacGregor ha detto che la sua compagnia “ha espresso specifico interesse per lo spazio delle bevande infuse e intendiamo entrare in questo mercato”.

Un portavoce della Coca-Cola ha detto che il gigante delle bevande non ha ancora preso una decisione del genere. “Insieme a molti altri nel settore delle bevande, stiamo osservando da vicino la crescita della CBD non psicoattiva come ingrediente delle bevande funzionali per il benessere in tutto il mondo e lo spazio si sta evolvendo rapidamente”, ha detto il portavoce di Coke Kent Landers.

L’interesse della Coca Cola è un’altra indicazione della crescente accettazione della cannabis da parte di società consolidate e dell’importanza del Canada per lo sviluppo di tali imprese. La marijuana diventa legale in tutto il Canada il 17 ottobre. Le compagnie di cannabis degli Stati Uniti – dove la marijuana rimane illegale a livello federale – si sono riversate in Canada per raccogliere fondi e creare imprese lì.

Constellation Brands, una società di spiriti giganti che conta la birra Corona tra le sue etichette, ha acquistato una partecipazione minoritaria multimiliardaria in Canopy Growth, un produttore canadese di marijuana medica.

“La dichiarazione di Coca Cola dimostra che la società ha imparato dai suoi passi falsi passati a cogliere le nuove tendenze in fatto di bevande”, ha affermato Ali Dibadj, analista senior presso AllianceBernstein con esperienza nelle aziende statunitensi di bevande e snack. “La società è stata colta in fallo in passato non tenendo il passo con le tendenze delle bevande: hanno mancato il fenomeno delle bevande energetiche, hanno perso – e poi hanno dovuto comprare – le acque funzionali come l’acqua vitaminizzata e il caffè”, ha detto Dibadj.

Ma testare le bevande a base di cannabis potrebbe ritorcersi contro, ha detto. Molti americani non hanno familiarità con la pianta di cannabis e potrebbero non capire che il CBD non ha proprietà psicoattive.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post