Come usare il prezzemolo per l’estetica del viso

Come usare il prezzemolo per l’estetica del viso
LA PREPARAZIONE

Il prezzemolo è un ingrediente molto usato in cucina per insaporire i cibi, il sugo e piatti di ogni tipo. E’ uno dei condimenti maggiormente utilizzati e a basso costo, ma forse non tutti sanno che può rivelarsi molto utile per eliminare gli inestetismi della pelle e i segni di invecchiamento grazie alla presenza di molti sali minerali e vitamine.

ThinkstockPhotos-477566425

 

Il prezzemolo è un mix di sostanze nutritive fondamentali per il nostro organismo: contiene rame, fosforo, zolfo, calcio, vitamina A, C, K, fibre proteine, flavonoidi (in particolare luteina). Ovviamente non potrà fare miracoli contro la mano imperterrita del tempo, ma i suoi effetti saranno visibili sin da subito. Del resto viene utilizzato anche in diversi trattamenti nei saloni di bellezza, in quanto ha la capacità di rigenerare la pelle in modo naturale e stimolare la formazione di collagene.

Il primo sistema per usare il prezzemolo a fini estetici è quello di pestare cinque o sei rametti di prezzemolo e applicarli sulle zone colpite da macchie con una garza. Lasciate agire per una decina di minuti e poi risciacquate con acqua tiepida. Il trattamento va ripetuto ogni sera fino a quando noterete chiari segni di miglioramento.

Il secondo sistema consiste nel prendere 5 rametti di prezzemolo, un filo di olio di oliva, 5 gocce di succo di limone e tre fettine di cetriolo. Pestate gli ingredienti fino ad ottenere un composto uniforme e applicate sul viso con l’ausilio di una garza. Lasciate agire per dieci minuti e risciacquate con acqua tiepida. Ripetete il trattamento ogni sera fino alla scomparsa delle macchie.

Infine potete preparare una lozione fatta in casa: in una pentola fate bollire 20 cl di acqua, aggiungete due cucchiai di foglie di prezzemolo tritate e fate bollire per quasi 15 minuti. Lasciate raffreddare e addizionate un cucchiaio di limone. Applicate sul viso al mattino e alla sera, lasciando sempre agire per una decina di minuti e infine risciacquare.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post