Conservare il rosmarino: i trucchetti facili per gustarlo al meglio tutto l’anno

0
17
conservare rosmarino, trucchetti

Conservare il rosmarino: vi sveliamo i trucchetti facili per gustarlo al meglio tutto l’anno ed i metodi giusti per preservarne l’aroma

conservare rosmarino, trucchetti
Utilizziamo il nostro rosmarino per condire focacce e pane, ma anche formaggi freschi o stagionati

 

Il rosmarino è una pianta molto utilizzata in cucina, particolarmente scelta per insaporire patate, sughi a base di carne o di pesce. Può essere utilizzato sia fresco che essiccato in polvere, ma non sempre purtroppo riusciamo a curare una pianta perché magari non ne abbiamo il tempo o non possediamo il cosiddetto ‘pollice verde‘. Niente paura, vi sveliamo oggi i trucchetti per conservarlo durante tutto l’anno ed utilizzarlo al momento nelle nostre preparazioni, vediamo come fare

 

LEGGI ANCHE: Focaccia patate, cipolla e rosmarino

Conservare il rosmarino: i trucchetti migliori per averlo sempre a portata di mano

Conservare il rosmarino risulta particolarmente utile per poterlo averlo sempre a portata di mano e pronto all’uso. Questi trucchetti sono molto semplici e non richiederanno particolari tecniche, giusto qualche accorgimento. Vediamoli insieme

Congeliamolo: i rametti di rosmarino fresco si prestano perfettamente a questo tipo di conservazione. Tagliamone di diversi dalla nostra pianta oppure compriamolo fresco al supermercato. Sistemiamolo in delle vaschette e lasciamolo in freezer per circa 2 ore. Passato il tempo necessario riponiamolo in dei contenitori ermetici o in dei sacchetti per il gelo. In questo modo si conserverà fino a 7 mesi e sarà pronto per qualsiasi utilizzo, senza esser scongelato in precedenza.

 

Per essere sempre aggiornato su trucchi e segreti della cucina CLICCA QUI 

Essicchiamolo: i rametti di rosmarino possono essere essiccati e poi ridotti in polvere, come facevano le nostre nonne. Raccogliamone di diversi e raggruppiamolo in mazzetti legandoli con dello spago da cucina. Poniamo a testa in giù per circa 2 o 3 giorni in un luogo asciutto come una cantina, un ripostiglio oppure alla luce del sole per l’intera giornata, ricordandoci di entrarlo in casa nei giorni di pioggia o di forte umidità. Fatto questo, passiamo al forno, in modalità statica a 100° per 1 ora. Possiamo poi conservarlo così in dei sacchetti salva freschezza oppure possiamo tritarlo con un mixer o un pestello e conservarlo in dei vasetti con capsula ermetica.

Sottolio: questo trucchetto risulta essere particolarmente gustoso affinché si possa utilizzare l’olio d’oliva come insaporitore di carni, pesci ed insalate. Procuriamoci un mazzetto di rosmarino fresco e lasciamolo in infusione in olio EVO di ottima qualità. L’infusione permetterà di far assorbire tutto il gusto fresco e aromatico dei rametti ed otterremo un olio già speziato!

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO PROFILO INSTAGRAM