Cosa mangiare per un’abbronzatura salutare e perfetta

Cosa mangiare per un’abbronzatura salutare e perfetta

Il gran caldo è ufficialmente iniziato e comincia l’esodo verso le spiagge per la prima abbronzatura. Ecco un elenco di alimenti da non far mai mancare in tavola per una tintarella perfetta e duratura,

Per prima cosa volgono le regole di buon senso: esporsi gradualmente evitando le ore di punta. Sarà importante consumare cibi ricchi che stimolino la produzione di melanina e consentano alla pelle di non stressarsi, oltre ad essere ricchi di acqua, vitamine e sali minerali. Il maggiore alleato della tintarella è il betacarotene, perché stimola la formazione della melanina. Altrettanto indispensabili sono gli antiossidanti, che prevengono l’invecchiamento cutaneo e i danni che le radiazioni solari possono causare alla pelle.

Albicocche: sono ricche di vitamina A che aiuta a contrastare l’azione dei radicali libre e contengono fibre utili per il transito intestinale. Quando si cambia località la stitichezza può spesso causare qualche piccolo problema.

Carote: sono una fonte preziosa di betacarotene e vitamina A. Essendo povere di calorie sono uno snack perfetto da usare come aperitivo, spuntino o per preparare un centrifugato.

Radicchio rosso: contiene tanta vitamina A, quindi è fondamentale per la salute della pelle e facilitare l’abbronzatura. Inoltre ha poche calorie e può essere di aiuto per la prova costume.

Rucola:ricca di sali minerali e perciò utile per reintegrare quelli che vanno dispersi nella sudorazione estiva.

Pomodori: ricchi di licopene, un antiossidante che aiuta a contrastare l’invecchiamento e i danni causati dai raggi ultravioletti.

Melone: il suo alto contenuto di acqua e zuccheri consente di dissetarsi e recuperare energie.

Ciliegie: ricche di carotenoidi e sali minerali, sono indispensabili per affrontare al meglio la calura e preparare la cute all’esposizione solare.

Pesche: aiutano l’organismo a idratarsi, rinfrescarsi e disintossicarsi. Hanno anche proprietà lassative, diuretiche e antiossidanti.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post