Dolore cronico? La meditazione meglio degli antidolorifici

Dolore cronico? La meditazione meglio degli antidolorifici

La meditazione può aiutare chi soffre di dolore cronico a evitare antidolorifici oppiacei secondo una nuova ricerca. Mentre medici e scienziati tentano di sviluppare trattamenti alternativi, un nuovo studio dell’Ospedale per la chirurgia speciale, a New York, suggerisce che gli approcci esistenti come la meditazione possono aiutare i pazienti a gestire il dolore con meno farmaci.

Oltre l’11 per cento degli americani vive con dolore cronico che rende difficili le attività quotidiane e lascia molte persone incapaci di lavorare.  Il dolore è un’esperienza umana universale, ma lottiamo ancora per capirlo, valutarne la gravità e trattarlo senza rischiare conseguenze terribili.  “L’abuso di oppioidi e la dipendenza sono uno dei principali problemi di salute pubblica negli Stati Uniti, e circa il 70 per cento delle persone che usano gli oppioidi a lungo termine hanno un disturbo muscoloscheletrico, come lombalgia o artrite”, ha dichiarato uno degli autori, Dr Maggie Wimmer di Hospital for Special Surgery.

Negli ultimi anni, i medici occidentali hanno iniziato ad adottare e raccomandare pratiche alternative prive di effetti collaterali, come la meditazione e la respirazione consapevole come trattamenti complementari per il dolore. Le sensazioni del dolore sono comunicate attraverso i nervi e sono mediate da processi sia fisici che mentali. La meditazione può aiutare a diminuire la nostra esperienza di dolore, che sappiamo può essere aggravata dallo stress emotivo.  Se funziona, è un trattamento complementare più economico, più facile e innocuo.

E nel caso dello studio dell’Ospedale per la Chirurgia Speciale, ha funzionato. Il 98% dei pazienti hanno dichiarato di essere soddisfatti del programma e la maggior parte di loro ha dichiarato di aver imparato meglio come queste tecniche di consapevolezza possano ridurre il loro dolore e stress. Adesso questo centro di ricerca prevede di espandere il suo programma di meditazione, arruolando pazienti affetti da artrite e reumatologia che spesso dipendono dagli oppioidi per anni e persino decenni dopo la loro diagnosi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post