Due cucchiaini e mezzo di zucchero al giorno aumentano il rischio…

Due cucchiaini e mezzo di zucchero al giorno aumentano il rischio Alzheimer

Aggiungere due cucchiaini e mezzo di zucchero al tuo tè ogni giorno aumenta il rischio di contrarre l’Alzheimer secondo una nuova ricerca statunitense. Dolcificando cibi o bevande con solo due cucchiaini e mezzo di zucchero, le persone hanno il 54% di probabilità in più di sviluppare questa malattia. Bere una lattina di bibita zuccherata al giorno aumenta il rischio di demenza del 47% rispetto a quelli che consumano tali bevande solo una volta ogni tre mesi, aggiunge la ricerca.

Parlando dei risultati, il dott. Doug Brown, responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Society, ha dichiarato: “Troppo zucchero è legato al diabete di tipo 2 e la ricerca precedente ha identificato il diabete di tipo 2 come un fattore di rischio per la demenza. Questo studio conferma queste prove, suggerendo che lo zucchero in eccesso può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer, e tutti i tipi di zucchero – dal succo di frutta alla limonata – hanno lo stesso impatto. Riducendo le bevande gassate, i dolci e le torte e mangiando una dieta varia ed equilibrata, saremo in grado di ridurre il rischio di sviluppare demenza in età avanzata”.

Come è stata condotta la ricerca? I ricercatori della Columbia University hanno analizzato 2226 persone che inizialmente non avevano la demenza per circa sette anni. All’inizio dello studio, i partecipanti hanno compilato dei questionari sull’opportunità di aggiungere zucchero al cibo o alle bevande. Dei partecipanti, 429 hanno sviluppato l’Alzheimer durante lo studio. I risultati suggeriscono inoltre che le persone che aggiungono 30,3 g di zucchero al cibo o alle bevande ogni giorno hanno il 33 per cento in più di probabilità di sviluppare l’Alzheimer rispetto a quelli che ne consumano solo 5,8 grammi.

Coloro che consumano elevate quantità di punch o altre bevande analcoliche fruttate hanno il 27% in più di probabilità di sviluppare demenza rispetto alle persone che bevono meno. I risultati sono stati presentati all’Alzheimer’s Association International Conference a Chicago, dove è stato suggerito di seguire una dieta nordica per proteggere la memoria. Optando per frutti di mare, cereali integrali e frutta secca si riduce il rischio di declino cognitivo delle persone, in particolare quando combinato con uno stile di vita attivo. Analogamente alle diete mediterranee, il modo di mangiare nordico promuove pasti cucinati in casa con poco zucchero. Ricerche precedenti suggeriscono che le proprietà antinfiammatorie degli alimenti mediterranei di base, come i pesci grassi e le verdure, prevengono la demenza fermando il danno ai vasi sanguigni nel cervello.

Parlando dei risultati, il dott. Brown ha detto: “La dieta e il rimanere attivi – sia mentalmente che fisicamente – sono considerazioni chiave quando si tratta di limitare il rischio di sviluppare demenza, ma questo studio è andato oltre e ha scoperto che la combinazione di entrambe le attività può ridurre ulteriormente le abilità cognitive… L’età è il più grande fattore di rischio per la demenza, ma ci sono cose che tutti possiamo fare ora per ridurre le nostre possibilità di sviluppare la malattia, incluso mangiare sano e mantenere attivo il nostro corpo e la nostra mente”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post