Embolizzazione dell’arteria gastrica: il rischio è di perdere massa muscolare

Embolizzazione dell’arteria gastrica: il rischio è di perdere massa muscolare

proteine

Una nuova procedura per dimagrire sta causando ai pazienti la perdita di massa muscolare e di grasso. L’embolizzazione dell’arteria gastrica sinistra viene esplorata come alternativa al bypass gastrico invasivo, ma ha un effetto collaterale inaspettato.

L’obesità è un importante problema di salute in tutto il mondo, legato a patologie gravi come malattie cardiache, cancro e diabete. A quattro anni, il 10% dei bambini è obeso, con un aumento del 20% all’età di 10 anni. Nell’età adulta, questo sale ancora al 25%.

I trattamenti di prima linea come la dieta e l’esercizio fisico spesso non funzionano, portando molti pazienti a optare per un intervento chirurgico di bypass gastrico, una procedura di successo nota per aiutare un soggetto obeso a dimagrire .Un bypass gastrico consiste nel legare una fascia allo stomaco per renderla più piccola, ma comporta notevoli costi e potenziali complicazioni.

Attualmente sotto indagine negli studi clinici, l’embolizzazione richiede solo una riduzione del flusso sanguigno nella parte superiore dello stomaco chiamata fundus. Le persone si sentono affamate quando l’ormone grelina viene rilasciato dal fondo, quindi le ricerche hanno pensato che ridurre il flusso di sangue allo stomaco rallenterebbe il rilascio della grelina, riducendo quindi la fame.

Nella procedura, microsfere microscopiche vengono iniettate sotto la guida di imaging nell’arteria che fornisce sangue allo stomaco. Ha dimostrato di avere successo nel ridurre il peso, ma un indesiderato effetto collaterale è stata una significativa perdita muscolare.

I ricercatori hanno detto che la perdita di massa muscolare è preoccupante e sottolinea l’importanza di una corretta consulenza nutrizionale dopo la procedura. ”Dobbiamo assicurarci che ricevano un’alimentazione adeguata per ridurre al minimo la quantità di tessuto muscolare che perdono”, ha detto un autore della ricerca.

I pazienti hanno anche perso una quantità significativa di grasso corporeo. Il loro indice globale di grasso corporeo è sceso del 3,7% in media. Tuttavia, gran parte della perdita di grasso era sottocutanea, o il grasso che si trova direttamente sotto la pelle.

Il grasso viscerale, il grasso più pericoloso che circonda gli organi e associato a gravi problemi di salute come le malattie cardiache e il diabete, non è diminuito significativamente nel corso del follow-up. I ricercatori prevedono di espandere i loro studi in futuro per includere le persone che stanno subendo l’embolizzazione come terapia per l’obesità.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post