Esame di maturità: cibi consigliati e da evitare

Esame di maturità: cibi consigliati e da evitare

E’ tempo di esami di maturità o all’università e per affrontare al meglio gli impegni didattici è utile fare affidamento a certi alimenti ed evitarne altri. Ad esempio bere tanti caffè è uno degli errori più frequenti che commettono gli studenti, in quanto provoca ansia, insonnia ed eccitazione, facendo perdere concentrazione e serenità. Invece la frutta aiuta a rilassarsi e a combattere il grande caldo che disturba in questi giorni gli studi.

Coldiretti che ha stilato la lista degli alimenti “promossi e bocciati” nella dieta per gli esami di maturità che interessano 509mila studenti. “Un aiuto per vincere la preoccupazione viene dagli alimenti ricchi di sostanze rilassanti come pane, pasta o riso, lattuga, radicchio, cipolla, formaggi freschi, yogurt, uova bollite, latte caldo, frutta dolce e infusi al miele che favoriscono il sonno e aiutano l’organismo a rilassarsi per affrontare con la necessaria energia e concentrazione la sfida scolastica”.

Nei giorni d’esame oltre al caffè meglio evitare anche patatine, salatini e cioccolata, evitare anche il digiuno e gli eccessi. Tra i condimenti da evitare curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina, oltre ovviamente ai superalcolici. A causa dell’eccesso di sodio anche gli alimenti in scatola sono da bandiere in periodo d’esame. “Esistono invece cibi che – evidenzia la Coldiretti – aiutano a rilassarsi per la presenza di un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione ma effetti positivi nella dieta serale si hanno con legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi. Tra le verdure al primo posto la lattuga, seguita da cipolla e aglio, perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il sonno”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post