Farmaci ed erbe officinali: binomi pericolosi e salutari

Farmaci ed erbe officinali: binomi pericolosi e salutari

Molti di noi assumono farmaci prescritti, spesso per condizioni come il diabete o l’ipertensione, o ingeriscono regolarmente rimedi da banco come antidolorifici. Ma ti sei mai chiesto se le tue combinazioni di erbe e farmaci sono sicure?

Mentre gli integratori possono sicuramente aumentare la tua salute in molti modi, ci sono momenti in cui mescolarli con i farmaci prescritti – o viceversa – potrebbe essere pericoloso. Proprio questa settimana, i ricercatori dell’Università di Hertfordshire hanno avvertito che la miscelazione di alcuni rimedi a base di erbe con farmaci da prescrizione può aumentare il rischio di sanguinamento, aumentare i livelli di zucchero nel sangue o interrompere il funzionamento efficace dei farmaci.

Mentre molte interazioni sono teoriche, basate su prove limitate o si verificano solo a dosi elevate, è molto importante controllare prima di mescolare compresse e integratori. Non solo, ma molte persone che assumono compresse o integratori spesso non hanno idea che in molti casi, i cibi e le bevande assunti insieme possano aumentare notevolmente il modo in cui il corpo li assorbe o renderli effettivamente inutili.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Viceversa ci sono molte combinazioni di farmaci e integratori che possono effettivamente funzionare bene insieme, a volte aumentando drasticamente l’efficacia di uno o entrambi gli ingredienti.

Alcune combinazioni pericolose e altre consigliate

Chris Etheridge, presidente della British Herbal Medicine Association, consiglia: “Come con tutti i medicinali, sia farmaceutici che a base di erbe, i pazienti dovrebbero sempre chiedere il parere di un medico se stanno assumendo altri medicinali”. Ad esempio, se si soffre di diabete, è anche necessario verificare se il supplemento influirà sul controllo della glicemia. Se stai assumendo una medicina per fluidificare il sangue, è fondamentale verificare le interazioni per prevenire la perdita di sangue. E se hai la pressione alta, è importante verificare se un supplemento o un’erba potrebbero influenzare il controllo della pressione arteriosa. Se stai assumendo medicinali, consulta l’opuscolo informativo per le interazioni note che sono elencate.

Tutti i farmaci hanno il potenziale per le interazioni con cibo, erba o integratore. Bisogna fare particolare attenzione con gli anticoagulanti (fluidificanti del sangue come warfarin o aspirina), sedativi, antidepressivi e medicinali prescritti per il trattamento di problemi cardiaci, ipertensione e epilessia.

Il coumadin, ad esempio, blocca gli effetti della vitamina K, che è necessaria per la produzione di proteine ​​coagulanti nel fegato. Gli alimenti contenenti vitamina K includono cavolfiore, broccoli, spinaci, cavolini di Bruxelles, asparagi, lattuga e avocado. Questo è il motivo per cui è necessario mantenere un apporto abbastanza costante di questi alimenti per garantire che il controllo della coagulazione del sangue rimanga stabile.

Un medicinale tradizionale a base di erbe usato per alleviare i sintomi malumore o ansia, l’erba di San Giovanni, ha una delle liste più lunghe di potenziali interazioni farmacologiche. Questo perché colpisce il sistema epatico degli enzimi che abbatte molti farmaci nel corpo. Di conseguenza, l’assunzione di questa erba officinale può aumentare o diminuire l’efficacia di alcuni farmaci. Un’importante interazione potenziale è con la pillola contraccettiva orale, che può aumentare il rischio di una gravidanza non pianificata. Questo perché l’erba di San Giovanni aumenta la produzione di enzimi epatici che provocano la decomposizione dei farmaci ed è stato dimostrato che riduce i livelli ematici di ormoni contraccettivi di circa il 15% – abbastanza da provocare sanguinamento o ovulazione e gravidanze non programmate.

La valeriana è utile contro i disturbi del sonno temporanei. Ma meglio non assumerla se si stanno prendendo sonniferi, buprenorfina o altri farmaci che ti fanno sentire sonnolento. Evitare inoltre l’eccesso di alcol.

Positivo il binomio paracetamolo e cardo mariano. Il paracetamolo abbassa i livelli di una sostanza chimica del fegato chiamata glutatione, che è uno dei modi in cui il paracetamolo può danneggiare il fegato. Estratti di cardo mariano aumentano i livelli di glutatione, per proteggere le cellule del fegato dalle tossine, compresi gli effetti del paracetamolo (e dell’alcool). Una dose tipica di cardo mariano in prodotti tradizionali a base di erbe (THR) è 193 mg-261 mg.

Bene anche l’accoppiata di echinacea ed erbe anti-fungine. Uno studio, pubblicato sulla rivista Therapiewoche, ha rilevato che l’uso di compresse di Echinacea insieme alla crema anti-fungine econazolo ha ridotto il tasso di ricorrenza delle infezioni da lievito Candida come il mughetto rispetto all’uso della sola crema.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post