Fumo in gravidanza: i bambini sono a rischio obesità

Fumo in gravidanza: i bambini sono a rischio obesità

Fai il login e salva tra i preferiti questo post

Secondo una recentissima ricerca scientifica le madri che fumano sigarette durante la gravidanza aumentano il rischio che il loro bambino diventi obeso. Il tasso di consumo di tabacco tra le donne incinte negli Stati Uniti è in forte calo (anche se l’uso di cannabis è in aumento), ma i funzionari sanitari sono ancora preoccupati per la dipendenza da nicotina tra le giovani donne, soprattutto dal momento che le sigarette elettroniche colpiscono il mercato.

Il nuovo studio della Kentucky University riporta a casa i pericoli rivelando, per la prima volta, che le sigarette classiche aumentano i livelli di una proteina che alimenta i grassi nel nascituro di una donna. La scoperta getta nuova luce su un fenomeno che è stato identificato in precedenti ricerche ma non può essere spiegato.

Precedenti studi già identificavano legami tra tabacco durante la gravidanza e basso peso alla nascita e parto prematuro del bambino. Ma ora stanno emergendo prove del modo in cui influisce sulla salute del bambino a lungo termine. Nel primo studio del suo genere, il team dell’Università del Kentucky ha scoperto che le sostanze chimiche del fumo di sigaretta attraversano la placenta, aumentando le quantità di una molecola chiamata chemerina.

La proteina è associata all’obesità: maggiore è la sua espressione, maggiore è la probabilità che un bambino sia sovrappeso e che sia difficile dimagrire. Il corrispondente autore, il dott. Kevin Pearson, ha dichiarato al Daily Mail: “Il nostro piano a lungo termine è studiare l’impatto dell’esercizio fisico durante la gravidanza e la sua capacità di migliorare i risultati di salute nella prole. Tuttavia, quando abbiamo iniziato a trasferire il nostro lavoro dagli animali da laboratorio agli esseri umani, è apparso subito evidente che una percentuale abbastanza alta di persone in gravidanza che lavoravano nel nostro ospedale continuava a fumare sigarette durante la gravidanza. Così, abbiamo deciso di indagare i meccanismi del perché i bambini nati dai fumatori sono a rischio di malattie successive”.

L’analisi del dott. Kevin Pearson

Lo studio sperimentale si basava sull’analisi del tessuto che normalmente viene scartato dopo la nascita. La chemerina è prodotta da cellule adipose ed è presente in quantità maggiori nel sangue di persone obese. I ricercatori hanno utilizzato i prepuzi dei neonati appena circoncisi per studiare i livelli di quelli esposti al fumo di sigaretta durante la gravidanza. I campioni sono sicuri e semplici da raccogliere e i ricercatori avevano precedentemente dimostrato di avere proprietà simili ad altri tessuti – come il grasso.

I risultati hanno mostrato che la chemerina era più prevalente nella pelle dei bambini le cui madri fumavano durante la gravidanza. Il dott. Reynolds ha detto che questo suggerisce che fumare in gravidanza porti a cambiamenti nella regolazione dei geni che svolgono un ruolo importante nello sviluppo e nell’obesità delle cellule adipose.

Il team ora progetta di misurare i livelli di chemerina in cellule isolate dal cordone ombelicale di neonati e bambine – il che è altrettanto facile da ottenere. Sperano anche di condurre esperimenti sull’esposizione al fumo durante la gravidanza nei topi, in quanto è più facile da controllare per altri fattori che potrebbero influenzare l’obesità.

Ulteriori vari tessuti possono anche essere misurati per valutare l’espressione genica al fine di comprendere meglio come l’esposizione al fumo nell’utero colpisce l’intero corpo. Il dott. Pearson ha dichiarato: “In futuro, ci piacerebbe lavorare su modi per migliorare i programmi di smettere di fumare o modi in cui possiamo aumentare i livelli di esercizio nei fumatori come modo per combattere gli esiti negativi nella prole, ma in realtà stiamo solo agli inizi”.

Attiva modalità lettura