Gelato all’anguria senza panna, nè latte e nemmeno zucchero. Delicato e fresco

Gelato all’anguria senza panna, nè latte e nemmeno zucchero. È delicato e fresco, quello che ci vuole con questo caldo afoso

Anguria
Anguria -foto pixabay

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Gelato all’anguria senza panna, nè latte e nemmeno zucchero. Perfetto per questi pomeriggi estivi e caldi.

Questo gelato oltre ad essere gustoso è anche poco calorico, contiene infatti solamente 80 kcal. Provate a farlo è facile.

L’anguria è indubbiamente il frutto dell’estate e usarlo per fare il gelato è la cosa migliore. Il risultato vi lascerà davvero sconvolti.

Ingredienti e preparazione del gelato all’anguria

Vediamo come si prepara il gelato all’anguria in poco tempo e facilmente.

Anguria
Anguria -foto pixabay congerdesign

INGREDIENTI (6 porzioni)

  • 2 Cucchiai di miele
  • 150 gr Yogurt alla fragola
  • 800 gr Anguria
  • Gocce di cioccolato
  • Colore alimentare
  • Aroma alla fragola

PREPARAZIONE (8 ore)

Come prima cosa, sbucciare l’anguria e togliere i semi. Tagliare la polpa a pezzetti e riporla in un sacchetto per alimenti e metterla nel congelatore per 2 ore.

Terminato il tempo necessario inserire una parte dell’anguria nel bicchiere nel mixer. Aggiungere l yogurt, il miele e l’aroma di fragola. Chiudere poi il coperchio e frullare tutto bene. Incorporare poi il resto della frutta.

Infine una volta ottenuto un composto liscio e omogeneo, unire il colorante alimentare e mixare ancora.

Versare poi il gelato in una pirofila di vetro rettangolare e poi coprire con la pellicola trasparente e farlo rassodare dentro al freezer per 6 ore.

Una volta che il gelato sarà pronto, metterlo nelle coppette e guarnirlo con le gocce di cioccolato e gustarlo.

Gelato anguria
Gelato anguria (pixabay)

È davvero buonissimo e piace a tutti quanti, grandi e piccini. Provate subito a farlo, sarò il dessert e le merenda perfetta per questa stagione estiva. Non ne potrete più fare a meno.

Potete anche usare altri frutti per ottenere il gelato, come le pesche, il kiwi o anche la banana e il melone.