Gli effetti collaterali del sale a tavola

Gli effetti collaterali del sale a tavola

di Ivana Tramontano

L’abuso di sale è stato collegato a molti casi di cardiopatie e tumori allo stomaco.

Si consiglia agli adulti di consumare non più di un cucchiaino (6 g) di sale al giorno, mentre i bambini dovrebbero assumerne la metà. Tuttavia, due terzi della popolazione consuma 8 g di sale a causa del consumo di piatti pronti, carni lavorate e pane.

Il sale solleva la pressione sanguigna, che mette a dura prova il cuore. Può anche danneggiare il rivestimento dello stomaco e causare lesioni cancerose. La ricerca è stata effettuata dall’Imperial College di Londra (ICL) e dall’Università di Liverpool. È stato guidato dal dott. Anthony Laverty, docente presso la scuola di salute pubblica dell’ICL.

L’autore dello studio, il dott. Martin O’Flaherty, professore di epidemiologia all’Università di Liverpool, ha dichiarato: “Stiamo mangiando troppo sale. Tre quarti di sale nella nostra dieta sono nascosti in alimenti trasformati come pane, piatti pronti e zuppe.

La ricerca mostra che abbiamo bisogno di un programma obbligatorio robusto per accelerare la riduzione dell’assunzione di sale. Ciò richiederà chiari obiettivi e sanzioni per garantire che l’industria alimentare riduca il contenuto di sale negli alimenti. Misure più morbide e volontarie potrebbero generare ulteriori infarti, ictus e casi di cancro”.

Tuttavia, i ricercatori e altri esperti si sono affrettati a sottolineare le carenze dello studio.Queste includevano il numero relativamente piccolo di partecipanti, non misurando l’assunzione di sale nelle stesse persone e aspettandosi che il consumo diminuisse di anno in anno. Il dott. Tom Sanders, professore emerito di nutrizione e dietetica al King’s College di Londra, ha anche sostenuto che l’ipertensione si sviluppa nel corso di “molti decenni” e gli ictus si verificano generalmente nelle persone di età superiore a 70 anni. Ridurre l’assunzione di sale a breve termine potrebbe quindi non avere effetti duraturi. “Anche la relazione tra assunzione di sale e cancro allo stomaco è dubbia”, ha affermato.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post