I cibi fritti aumentano il rischio di morte precoce

I cibi fritti aumentano il rischio di morte precoce

Secondo una recente ricerca mangiare cibi fritti, in particolare pollo e pesce, aumenta il rischio di morte prematura. Una porzione o più di cibi fritti ogni giorno – come patatine fritte o un sandwich con pollo fritto – aumenta il rischio di morte dell’8% rispetto a quelli che non ne mangiano.

Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), ha rilevato che uno o più porzioni di pollo fritto al giorno erano collegati a un rischio maggiore di morte del 13% per qualsiasi causa e un rischio maggiore del 12% di morte correlata al cuore rispetto a chi non mangia nessun cibo fritto. La ricerca ha seguito 106.966 donne di età compresa tra 50 e 79 anni che si sono iscritte allo studio Women’s Health Initiative (WHI) tra il 1993 e il 1998.   Con un follow-up medio di 18 anni, sono morte 31.558 donne, tra cui 9.320 da problemi cardiaci, 8.358 da cancro e 13.880 da altre cause.

Gli autori, guidati da un team dell’Università dell’Iowa, hanno concluso: “Il consumo frequente di cibi fritti, in particolare di pollo fritto e pesce fritto / crostacei, era associato a un più alto rischio di tutte le cause e mortalità cardiovascolare nelle donne negli Stati Uniti… Ridurre il consumo di cibi fritti, in particolare di pollo fritto e pesce fritto, potrebbe avere un effetto clinicamente significativo in tutto lo spettro della salute pubblica”.

I ricercatori non hanno trovato alcun legame specifico tra morti per cancro e consumo di cibi fritti. Coloro che mangiavano più cibi fritti tendevano anche a mangiare meno verdura, frutta e cereali integrali, e più bevande zuccherate, noci, sale e carne rossa e lavorata. Tracy Parker, dietista senior presso la British Heart Foundation, ha affermato che semplici cambiamenti nel modo in cui gli alimenti sono cucinati possono fare una grande differenza per la salute del cuore: “I cibi fritti sono solitamente più alti in calorie, grassi e sale”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post