I frullati fanno bene alla salute? Scopri la verità

I frullati fanno bene alla salute? Scopri la verità

C’è troppa incertezza sui frullati: chi dice che sono ricchi di zuccheri e quindi poco consigliati a chi è a dieta, chi invece che sono ricchi di vitamine e sali minerali e aiutano a perdere peso. Allora, qual è la verità? La nutrizionista Emma Derbyshire cerca di fare finalmente un po’ di chiarezza.

Le linee guida nutrizionali affermano che un frullato da 150 ml conta come una delle nostre cinque porzioni di frutta e verdura al giorno raccomandate. E dato che meno di un terzo degli adulti e solo l’otto per cento degli adolescenti nel Regno Unito soddisfano l’obiettivo di 5 porzioni per frutta e verdura un frullato a colazione o a pranzo può facilmente aiutare di più le persone che aggiungono una porzione extra di frutta alla loro giornata.

I frullati contengono una quantità di nutrienti preziosi – tra cui folati, potassio, vitamina A, vitamina C e zinco – che molte persone non ne hanno mai abbastanza. Ad esempio, il 75% delle donne e delle ragazze ha bassi livelli di folato – una vitamina vitale per la normale divisione cellulare e la prevenzione di difetti alla nascita – mentre un quinto degli adulti ha bassi livelli di potassio – un minerale cruciale per la funzione muscolare e nervosa e il mantenimento della normale pressione sanguigna.

Non solo, ma ora ci sono sempre più prove che gli smoothies sono stati ingiustamente diffamati per vari motivi. I frullati sono spesso ingiustamente raggruppati con succhi di frutta, ma in realtà hanno una struttura completamente diversa. Molti frullati forniscono da 2 a 4 g di fibra in una porzione da 250 ml, che è molto più alta del 100% di succo di frutta che contiene solo 0,5 g per 250 ml. La fibra alimentare è importante per una serie di motivi di salute che vanno ben oltre la digestione. Può regolare la risposta del glucosio nel sangue, abbassare i livelli di colesterolo e nuove prove dimostrano che potrebbe avere un effetto positivo anche sul microbiota intestinale. Accanto a questo, l’aumento della fibra alimentare è stato associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari e di malattie coronariche.

Spesso si ritiene erroneamente che la fibra venga persa durante l’elaborazione del frullato. Ma ancora una volta, l’ultima ricerca suggerisce il contrario. Le ricerche condotte presso l’Università di Leeds hanno dimostrato che le strutture delle pareti cellulari dei frutti – che sono una delle parti più fibrose – rimangono intatte dopo la lavorazione del frullato. Gli esperimenti condotti hanno anche mostrato che le strutture delle pareti cellulari erano simili a quelle dei frutti frantumati.

Inoltre, una nuova ricerca dell’Università di Bristol, pubblicata sulla rivista Nutrients il mese scorso, ha scoperto che bere un frullato prima di mangiare un pasto può ridurre il numero di calorie consumate più tardi nella giornata. Contrariamente alla credenza popolare, non vi è alcuna differenza significativa tra il consumo di frutta intera e juiced quando si tratta dell’effetto sui nostri denti. Gli esperti odontoiatrici ritengono che qualsiasi frutto o bevanda che contenga zuccheri o acidi, compresa la frutta, potrebbe danneggiare i denti se non li si prende cura di loro correttamente. Quindi lavati sempre i denti due volte al giorno con un dentifricio al fluoro.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post