Una manciata di noci al giorno per chi soffre di diabete…

Una manciata di noci al giorno per chi soffre di diabete di tipo 2

Mangiare una manciata di mandorle, anacardi e noci ogni giorno stabilizza i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete di tipo 2. Secondo una nuova ricerca canadese bastano 75 g di noci miste non salate per migliorare significativamente il controllo della glicemia dei pazienti. Lo spuntino riduce anche il cosiddetto colesterolo “cattivo” e abbassa i livelli di una proteina associata a malattie cardiache, noto come Apo-B.

I ricercatori ritengono che i loro risultati evidenziano l’importanza delle assunzioni di grassi insaturi e basso contenuto di carboidrati per il controllo del diabete di tipo 2. Circa 3,5 milioni di persone nel Regno Unito sono affette da diabete, di cui circa il 90% ha il tipo 2, come riporta il ‘Daily Mail’.

I ricercatori dell’Università di Toronto hanno analizzato 117 adulti con diabete di tipo 2 che erano in terapia per abbassare i livelli di glucosio nel sangue. Alcuni partecipanti hanno mangiato 75 g di noci miste, altri tre muffin integrali e il resto ne ha mangiato metà ogni giorno per tre mesi. Tutte le loro diete contenevano un numero simile di calorie, tuttavia, le noci fornivano più grassi insaturi e meno carboidrati. I livelli di glicemia dei partecipanti sono stati valutati ogni due settimane circa.

Le noci miste consistevano principalmente di mandorle non salate, pistacchi, noci, nocciole, arachidi, anacardi e macadamie. Ciò viene dopo una ricerca pubblicata lo scorso luglio che ha suggerito di scambiare solo una porzione di carne per una manciata di noci al giorno, riducendo il rischio di morte prematura fino al 17%. L’autrice principale, la dott.ssa Mercedes Sotos-Prieto, dell’Università dell’Ohio, ha dichiarato: “Non è necessario che le persone si conformino a un singolo piano dietetico per ottenere un modello alimentare sano… Gli elementi essenziali di una dieta sana includono maggiori quantità di frutta, verdura, cereali integrali, noci e fagioli, e più basse assunzioni di carni rosse e lavorate, bevande zuccherate e cereali altamente raffinati, come riso bianco e farina”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post