I latticini alzano il colesterolo? No, fanno bene al cuore

I latticini alzano il colesterolo? No, fanno bene al cuore

Un nuovo studio sostiene che mangiare tre porzioni di latticini al giorno potrebbe aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache. Gli ultimi anni hanno visto l’aumento della moda anti-lattea, con sostenitori che affermano che latte intero e altri prodotti caseari – ricchi di grassi saturi – aumentano il colesterolo LDL, il che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Ma i ricercatori hanno detto di aver trovato che quelli che consumavano tre porzioni di latte, formaggio, burro o crema al giorno avevano quasi due volte meno probabilità di soffrire di malattie cardiache e ictus, rispetto a chi consuma meno porzioni.

Il team, guidato dalla McMaster University in Ontario, Canada , afferma che i suoi risultati mostrano che il consumo di latticini non deve essere scoraggiato, e in effetti dovrebbe essere incoraggiato nei paesi a basso reddito e a medio reddito dove l’assunzione di latticini è bassa.

Attualmente, le linee guida dietetiche statunitensi per gli americani 2015-2020 raccomandano non più di tre porzioni di latticini al giorno e consiglia di scegliere opzioni senza grassi e senza grassi. Questo si basa su una ricerca che ha dimostrato che i grassi saturi presenti nei prodotti a base di grassi aumentano il colesterolo LDL. Tuttavia, prove passate hanno suggerito che ci sono un certo numero di sostanze nutritive presenti nei prodotti lattiero-caseari tra cui calcio, potassio, magnesio, vitamine K1 e K2 e probiotici (nello yogurt) che potrebbero contribuire a una dieta sana.

“La dieta è uno dei più importanti fattori di rischio modificabili della malattia cronica”, ha detto all’agente principale Mahshid Dehghan, un ricercatore associato presso l’Università McMaster, il Daily Mail Online. “E poiché i latticini contengono magnesio, potassio, tutte queste vitamine, volevamo vedere se esistesse un legame tra consumo e malattie croniche”.

Il legame tra latticini e malattie cardiache

Per lo studio, il team ha esaminato oltre 136.000 persone provenienti da 21 paesi che hanno partecipato allo studio prospettico rurale epidemiologico urbano (PURE). Lo studio PURE esamina gli effetti ambientali, sociali e biologici sull’obesità e sui problemi di salute cronica, tra cui malattie cardiache, diabete e cancro.

I partecipanti, di età compresa tra i 35 e i 70 anni, erano divisi in quattro categorie: senza latticini, meno di una porzione al giorno, una o due porzioni al giorno e più di due porzioni al giorno. Una porzione era determinata come equivalente a un bicchiere di latte, una tazza di yogurt, una fetta di formaggio di 15 grammi o un cucchiaino di burro.  I ricercatori hanno preso nota delle assunzioni dietetiche dei partecipanti all’inizio dello studio nel 2003 e li hanno seguiti per circa nove anni.

Il gruppo ad alto consumo, che aveva una media di tre porzioni al giorno, è risultato avere tassi di morte più bassi a causa di cause cardiovascolari e non cardiovascolari, malattie cardiache e ictus rispetto al gruppo senza assunzione. Inoltre, coloro che consumavano solo grassi interi a un consumo più elevato – circa tre porzioni al giorno – avevano tassi di morte e di malattie cardiache più bassi rispetto a quelli con meno di 0,5 porzioni di latte intero al giorno.

Il team ha anche scoperto che il consumo di latticini più alto era in Nord America e in Europa, dove i partecipanti avevano quattro o più porzioni al giorno. Il consumo era più basso nell’Asia meridionale e in Africa, dove i partecipanti mangiavano in media meno di una porzione al giorno. “Ci sono molti fattori che influenzano il modello di consumo, perché la cultura alimentare in vari paesi è diversa”, ha detto il dott. Dehghan. “Ma vediamo le stesse tendenze. Non importa, quale paese abbiamo guardato, le tendenze erano le stesse”. Sono necessarie ulteriori ricerche sul motivo per cui i prodotti lattiero-caseari sono legati a bassi livelli di malattie cardiache, nonché a esaminare  la qualità generale della dieta in diversi paesi.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post