Diabete gestazionale, tanti rischi per i nascituri

Diabete gestazionale, tanti rischi per i nascituri

Secondo un recente studio le donne con alti livelli di zucchero nel sangue durante la gravidanza hanno più probabilità di avere figli che sviluppano il diabete nel corso della loto vita. I bambini nati da donne con diabete gestazionale sono già ad aumentato rischio di difetti alla nascita, nascita pretermine e sindrome da distress respiratorio e le madri affrontano rischi di aborto spontaneo e ipertensione potenzialmente letale durante il parto.

Ma una nuova ricerca rivela un’altra preoccupazione: i bambini nati da madri con livelli di glicemia anche moderatamente elevati hanno il doppio delle probabilità di crescere obesi e quindi di sviluppare il diabete di tipo 2. Il team del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases spera che la sua ricerca spinga i medici a essere più meticolosi nello screening delle donne in gravidanza per i livelli elevati di zucchero nel sangue.

I risultati fanno parte di uno studio di follow-up intitolato Iperglicemia e risultati della gravidanza avversa-Follow-up, o HAPO-FUS, che ha seguito le madri e i loro figli per 10-14 anni dopo la nascita. Il primo studio HAPO ha esaminato più di 23.000 coppie madre-figlio e ha rilevato che i livelli di zucchero nel sangue di una madre – anche a corto di diabete – potrebbero influenzare il peso alla nascita e il grasso corporeo del neonato.

In seguito ai risultati, un gruppo internazionale di esperti è stato portato a raccomandare nuovi criteri diagnostici per il diabete gestazionale – alti livelli di zucchero nel sangue durante la gravidanza – nel 2010. I medici non sono sicuri di come alcune donne sviluppino il diabete gestazionale, ma alcuni fattori di rischio includono l’età superiore ai 25 anni, l’eccesso di peso e una storia familiare. Queste madri sono a maggior rischio di sviluppare potenzialmente la pre-eclampsia, un aumento significativo della pressione sanguigna che può portare a gravi complicazioni e persino alla morte.

I rischi per i neonati e le speranze di ricerca

I bambini nati da donne con questa condizione sono ad aumentato rischio di sovrappeso alla nascita, nascita pretermine, sindrome da distress respiratorio – una condizione in cui la respirazione è difficile – basso livello di zucchero nel sangue e persino difetti alla nascita.

HAPO-FUS voleva confrontare gli effetti a lungo termine dei livelli elevati di glucosio nel sangue nelle madri che rientravano nella nuova definizione rispetto a quelle che non lo facevano. Per il nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato quasi 4.700 madri per il diabete di tipo 2, prediabete e altri disturbi del metabolismo del glucosio. Il team ha scoperto che anche un modesto aumento dei livelli di glucosio nel sangue porta a effetti dannosi sia per la madre che per il bambino. Per coloro che avevano aumentato la glicemia durante la gravidanza, circa l’11% aveva il diabete di tipo 2 durante il follow-up e circa il 42% aveva prediabete.

Tra le donne che non avevano questi livelli elevati durante la gravidanza, circa il due per cento aveva il diabete di tipo 2 e quasi il 18 per cento aveva prediabete. Successivamente, i ricercatori hanno esaminato più di 4.800 bambini per determinare se fossero sovrappeso o obesi. Hanno usato calcoli  dell’indice di massa corporea (BMI), percentuale di grasso corporeo, spessore della piega della pelle e circonferenza della vita. I risultati hanno mostrato che i bambini nati da madri con alti livelli di glucosio nel sangue avevano significativamente più probabilità di essere obesi.

In un esempio, quando si utilizza il calcolo dell’IMC, il 19 per cento dei bambini nati da madri con glicemia elevata era obeso rispetto al 10 per cento dei bambini nati da madri con livelli normali. “Le differenze nelle madri e nei loro figli a causa del maggior livello di glucosio nel sangue della madre sono molto preoccupanti”, ha detto la co-autrice Barbara Linder, consulente senior per il programma di ricerca sull’infanzia del diabete presso l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene.

Il professore Boyd Metzger, della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha affermato che il follow-up è un buon primo passo, ma sono necessarie ulteriori ricerche. “L’HAPO ha aiutato a ridefinire il diabete gestazionale e ora il suo seguito continua a sollevare importanti allarmi sul pericolo a lungo termine di alti livelli di glucosio nel sangue durante la gravidanza. Sono necessarie ulteriori ricerche per trovare interventi che aiutino sia queste donne che i loro bambini”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post