Il successo della dieta? Dipende da una zona del cervello

Il successo della dieta? Dipende da una zona del cervello

Se stai faticando per perdere peso, la struttura del cervello potrebbe essere la colpa. Le scansioni cerebrali hanno mostrato che alcune persone hanno segnali più forti provenienti dalla regione del cervello che svolgono un ruolo nell’autocontrollo, che a sua volta li rende i più efficaci nel seguire una dieta.

Fino ad ora, la maggior parte delle prove ha suggerito che uno squilibrio degli ormoni che aumenta la voglia di mangiare è la principale causa che annulla una dieta. Secondo il team della McGill University, a Montreal, in Canada, esiste una regione del “controllo” del cervello che prevale su questi ormoni e ci sono tecniche terapeutiche per aiutare le persone con un controllo più debole a diventare persone che seguono con successo la dieta.

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 24 partecipanti e li hanno studiati in una clinica per la perdita di peso per tre mesi. Gli adulti sono stati sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI) di regioni del cervello tra cui la corteccia prefrontale laterale, che è coinvolta nel controllo comportamentale, e la corteccia prefrontale mediale ventrale, che è legata al processo decisionale e al desiderio. Successivamente, i partecipanti sono stati tutti sottoposti a una dieta dimagrante in cui erano limitati a 1.200 calorie al giorno.

Quando i soggetti guardavano in modo particolare a foto di cibi ipercalorici, la regione del cervello legata al desiderio è diventata più attiva sulla fMRI. I ricercatori hanno anche esaminato le scansioni del cervello dei partecipanti un mese dopo e tre mesi dopo. Nel corso dello studio, i segnali delle regioni associate al desiderio sono diminuite complessivamente, ma sono diminuite di più nelle persone che hanno avuto il maggior successo a perdere peso.

I ricercatori hanno anche esaminato i livelli di due ormoni legati a appetito, leptina e grelina. La grelina aumenta l’appetito mentre la leptina, a volte chiamata ormone della sazietà, sopprime l’appetito. Hanno scoperto che i livelli di grelina aumentavano mentre i livelli di leptina diminuivano per l’intero periodo di tre mesi, ma che questi cambiamenti non avevano alcun effetto sulla perdita di peso dei partecipanti. Il dott. Dagher dice che questo dimostra che si tratta di attività cerebrale in regioni associate al controllo e al desiderio – non agli ormoni – che svolge un ruolo fondamentale nella perdita di peso. Ma aggiunge che ci sono modi per cambiare la struttura del cervello per migliorare l’esercizio dell’autocontrollo.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post